Paola Cadelli, Il giardino delle verità nascoste

Una storia di riscatto femminile

Condividi

Alla morte di Giacomo, libraio di Pola che viveva da anni vicino ad un faro in riva al mare, accudito dalla fedele Nora, i tre figli adulti tornano a casa. Ognuno di loro è in crisi per un motivo diverso: il maggiore Giorgio è in gravi difficoltà economiche e beve; Rachele si sente grassa e inutile e non capisce che la figlia Ludovica è in balia di un fidanzato violento; Lorenzo scrive romanzi gialli che lo arricchiscono ma non gli danno alcuna soddisfazione. La vera protagonista di Il giardino delle verità nascoste, pubblicato dall'Asino d'oro, è Nora, che i tre conoscono da quando erano piccoli e che ha fatto loro da madre quando Giacomo è stato lasciato dalla moglie: è una donna dalla vita difficile che Lorenzo decide di ricostruire. Scoprirà che il legame della loro domestica con il padre passava soprattutto attraverso il comune amore per i libri e la lettura, in particolare del Giardino dei ciliegi di Cechov, l’opera che nel testamento Giacomo chiede ai figli di mettere in scena nel giardino della sua casa.

Quella recita assurda, alla quale ci eravamo adattati con insofferenza (“una perdita di tempo”, “una sciocchezza”, “il delirio di un vecchio”), faceva riemergere i nostri sentimenti migliori. La storia della nostra famiglia, segnata da guerre, esodi, miseria e desiderio di riscatto. La lotta tra il bene e il male, tra l’amore e il possesso, la violenza e la delicatezza. Il nostro giardino dei ciliegi si stava trasformando nel giardino delle verità nascoste. 


Paola Cadelli è nata nel 1962 e svolge l'attività di medico e cardiologa. Dal 2012 ha iniziato la produzione letteraria con la pubblicazione di tre romanzi Gli amanti di vetro (2012), Il silenzio delle parole (L'omino rosso, 2014) e L’ultimo concerto (L'asino d’oro, 2017).