Catena Fiorello Galeano, Cinque donne e un arancino

Un'avventura femminile dalla Sicilia a New York

Condividi

Dopo aver trascorso quarant’anni a Milano, alla morte del marito, con i figli già sposati in giro per il mondo, Rosa decide di tornare in Sicilia nel piccolo paese di Monte Pepe di cui è originaria. Riapre e risistema la casa paterna (suo padre si è trasferito a vivere a Torino presso sua sorella) e poi decide con quattro nuove amiche di aprire una rosticceria specializzata nella produzione di arancini. Giuseppa, Maria, Nunziatina e Sarina all’inizio non sono convinte del progetto e in effetti l’attività stenta a decollare. Ma un giorno un autista accompagna da loro una coppia di americani; Rosa li accoglie in casa sua perché il negozio è chiuso e il giorno dopo fa loro assaggiare gli arancini. Passa un po’ di tempo e si scopre che quella che si era presentata come July era in realtà Ortensia, una famosa anchorwoman americana, che non solo ha parlato nella sua trasmissione del "Regno degli arancini", ma vuole addirittura le cinque siciliane da lei in tv a New York. Con i toni da commedia brillante, in Cinque donne e un arancino, pubblicato da Giunti, Catena Fiorello racconta un’avventura tutta al femminile e non manca di esplorare i turbamenti amorosi delle sue protagoniste e delle loro amiche e protette: è il primo volume della serie "Le signore di Monte Pepe", che darà spazio alle vicende di ognuna delle cinque protagoniste.

La forza di un gruppo sta nel tenersi per mano quando c’è tempesta. Siamo quelle cinque che si sono promesse di fare qualcosa di buono per questo paese. Fidatevi di me. L’avete già fatto una volta. Ora vi chiedo di continuare. Ci inventeremo qualcosa, state tranquille. Se gli arancini non vengono a prenderseli qui, saremo noi a portarli altrove.  

Catena Fiorello Galeano è una scrittrice siciliana. Per Rizzoli sono usciti Casca il mondo, casca la terra nel 2011, Dacci oggi il nostro pane quotidiano nel 2013, Un padre è un padre nel 2014, L'amore a due passi nel 2016. Picciridda è stato ripubblicato da Giunti in una versione completamente rivista dall'autrice.