Marzio Bartoloni, Federico, L'avventura di un re

Federico II dodicenne a Palermo

Condividi

Raccontato in prima persona da Federico ragazzo, il libro di Marzio Bartoloni, Federico, L’avventura di un re (San Paolo edizioni), immagina una rocambolesca fuga del protagonista verso Pantelleria e Siracusa dopo essere stato braccato dai suoi nemici a Palermo. L’infanzia del futuro imperatore fu effettivamente molto travagliata: perse il padre (Enrico Hohenstufen) a tre anni e la madre (Costanza D’Altavilla) a quattro. Lei fece in tempo a vederlo incoronato re di Sicilia. Bartoloni focalizza la sua attenzione sul Federico dodicenne che scorrazza felice con il suo amico arabo Mounif, e prende come un gioco le oscure trame del Conte Guglielmo che manda gli assassini prima a cercarlo e poi ad eliminarlo. Fuggendo dai loro inseguitori, Federico e i suoi sodali (a Mounif si aggiungono sua cugina Fatina e il cavaliere Ermanno) si infilano dentro antichi acquedotti, costruiscono dighe, finiscono a Pantelleria dove prendono in prestito un’antichissima madonna e infine riescono, anche con l’aiuto del papa Innocenzo III a festeggiare il ritorno a casa. Un ritratto ravvicinato di un grande personaggio storico, colto nel momento della sua spericolata giovinezza.

Dopo qualche minuto apparve la sagoma del castello di Maredolce, circondato dal verde lussureggiante dei suoi famosi giardini e in un attimo fui investito da mille ricordi. Qui ero cresciuto, seguito dalle balie e dai miei primissimi tutori. Qui conservavo i confusi ricordi di mia madre Costanza. Qui avevo goduto, per un periodo purtroppo breve, delle gioie e del calore della fanciullezza, circondato da mille giochi e distrazioni, a cominciare dall’enorme lago artificiale che mio nonno Ruggero aveva fatto realizzare e che circondava come un grande abbraccio tre lati del castello.



Marzio Bartoloni è nato a Roma. Giornalista da vent’anni, lavora nella redazione romana de il Sole 24 ore. Appassionato lettore di libri di storia, coltiva da sempre un grande interesse per la figura di Federico II di Svevia.