Chiara Marchelli, Redenzione

La prima indagine di Maurizio Nardi

Condividi

Maurizio Nardi è il comandante dei carabinieri di Volterra. Nel giro di un mese gli tocca occuparsi del caso di una donna strozzata e gettata in un dirupo e della scomparsa di un’altra. In Redenzione, La prima indagine di Maurizio Nardi, NNE, Chiara Marchelli concentra l’azione in una caldissima estate e mette in scena un pubblico ufficiale che soffre insieme ai familiari delle vittime e non riesce mai a staccare dal proprio lavoro. Protagonista del libro è Giorgia, una quarantenne nata ad Aosta e residente a Milano, che già da qualche anno ama passare un mese di vacanza a Volterra. Qui conosce Malina, una vicina di casa con cui entra molto in confidenza. Mentre Nardi risolve il caso di omicidio (il marito di un’inferma uccide la badante della moglie che voleva chiudere la relazione con lui), Giorgia scompare nel nulla e suo padre arriva da Aosta a cercarla. Un giallo dolente in cui vengono affrontati in una chiave molto particolare il tema dell’anoressia e quello della malattia mentale e viene presentato un bel personaggio di investigatore che ci si augura di ritrovare presto su carta. 

 La verità è che i colleghi più bravi di lui sono in grado di trasformare un istinto in una strategia. Ce l’hanno quell’istinto. Lui invece striscia per vicoli nascosti e appiccica tabulati ai muri, senza arrivare a un cazzo. Tanto più che, lo sanno tutti, ogni giorno che passa è una fila di mattoni in più. Tra poco si troverà davanti a un muro solido, serrato e senza appigli, impossibile da scalare.



Chiara Marchelli è nata ad Aosta e si è laureata in Lingue Orientali a Venezia. È autrice di romanzi, una raccolta di racconti e un saggio su New York, la città dove vive. Insegna Letteratura Contemporanea, Traduzione e Italiano alla New York University e Scrittura alla Scuola Holden. Nel 2017 ha pubblicato Le notti blu (Giulio Perrone Editore), selezionato tra i dodici finalisti del Premio Strega. Nel 2019 NNE ha pubblicato il suo romanzo La memoria della cenere.