Torna a speciale La dozzina del Premio Strega 2021

Giulia Caminito, L'acqua del lago non è mai dolce

Una non formazione

Condividi

L’io narrante del romanzo di Giulia Caminito, L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani), Gaia, all’inizio della storia è una ragazzina spaurita che vive in venti metri quadri di una casa occupata insieme alla madre, al padre invalido in seguito a un incidente sul lavoro, al fratello maggiore e ai due gemelli più piccoli di lei. Antonia, la tenacissima madre, riesce a ottenere un’abitazione a corso Trieste a Roma e dopo aver resistito un po’ in un condominio snob, fa uno scambio e si trasferisce con la famiglia ad Anguillara. Mentre Antonia mantiene i suoi familiari facendo pulizie in varie case, Gaia frequenta le medie e poi il liceo classico in scuole dove la sua povertà è un’eccezione e reagisce con scoppi di violenza alle aggressioni verbali dei suoi compagni. Con Agata e Carlotta, e poi con Iris, scopre l’amicizia, il senso di appartenenza, ma anche la possibilità del tradimento e della delusione. Studiosissima Gaia chiude brillantemente gli studi liceali, e si iscrive a filosofia contro il volere materno. Una storia di cadute e riscatti impossibili ambientata in una Roma molto dura e molto realistica. 

Una delle prime cose che ho imparato quando sono arrivata è stata questa: alle papere ti puoi avvicinare senza pensieri, ai cigni no. I cigni beccano sul dorso le nutrie e le rincorrono nell’acqua aprendo le ali, i cigni non fanno differenza tra bambine e donne adulte, se ti prendono in antipatia sono pronti a ferirti. Io sono stata un cigno, mi hanno portata da fuori, mi sono voluta accomodare a forza, e poi ho molestato, scalciato e fatto bagarre anche contro chi s’avvicinava con il suo tozzo di pane duro, la sua elemosina d’amore. 


Giulia Caminito è nata a Roma nel 1988 e si è laureata in Filosofia politica. Ha esordito con il romanzo La Grande A (Giunti 2016, Premio Bagutta opera prima, Premio Berto e Premio Brancati giovani), seguito nel 2019 da Un giorno verrà (Bompiani, Premio Fiesole Under 40).