Marco Belpoliti, Pianura

Una qualità dell'esistere

Condividi

Capire da dove vengo: questo lo scopo dichiarato del libro di Marco Belpoliti, Pianura, uscito da Einaudi. Strutturato come una lettera in più tempi a un amico, Pianura è un viaggio tra città e campagna, che intreccia il dato storico con quello artistico e quello geografico, con rari inserti autobiografici. Belpoliti parte da Reggio Emilia e dalla figura di Luigi Ghirri, nella cui fotografia “appare il già visto, il già immaginato, il già sognato”. Ghirri è solo il primo dei grandi della pianura che Belpoliti ha conosciuto di persona o attraverso l'opera: da Gianni Celati, a Giuliano Della Casa, a Piero Camporesi, a Antonio Delfini a Pier Vittorio Tondelli a Giovanni Ferretti a Giulia Nicolai. Di ognuno di questi personaggi Belpoliti tratteggia un ritratto intimo, coglie un aspetto particolare, inserendoli all'interno dei loro paesaggi. La pianura si rivela in questo libro più che un luogo una qualità dell'esistere, fuori dal tempo frenetico che contraddistingue il nostro vivere attuale. 

La modernità non ha abitato la pianura nonostante le villette geometrili e i capannoni industriali delle periferie, o le nuove stalle prefabbricate. La pianura non ha tempo, il tempo lo scandisce a modo suo nonostante l’autostrada, le tangenziali cittadine e le superstrade che l’attraversano di solito da nord a sud. Nonostante tutto è rimasta uguale a se stessa: piatta, è davvero piatta, e chi si alza al di sopra di lei commette un grave gesto di presunzione.


Marco Belpoliti, è nato a Reggio Emilia nel 1954. Scrittore e saggista, insegna all'Università di Bergamo e collabora a la Repubblica e all'Espresso. È condirettore della rivista Riga e fondatore e direttore editoriale della rivista online doppiozero.Tra i suoi libri: L'occhio di Calvino, La prova Settanta, Doppio zero e Pianura per Einaudi, e Il corpo del capo, L'età dell'estremismo e Primo Levi di fronte e di profilo (vincitore del Premio The Bridge 2016) pubblicati da Guanda. È il curatore delle Opere complete di Primo Levi pubblicate da Einaudi.