Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita

Una relazione primaria

Condividi

Accade che diventiamo quello che gli altri pensano che siamo: in Splendi come vita, pubblicato da Ponte alle grazie, Maria Grazia Calandrone ricostruisce il suo rapporto con Ione, la donna che l’adotta insieme al marito quando lei ha otto mesi e che quando lei ha quattro anni le rivela di non essere la sua vera madre. Ione fa l’insegnante, è una donna colta, bella, ma non sta bene con sé stessa e riversa i suoi furori sulla ragazzina, colpevole di non essere sua figlia biologica. Il romanzo, che si alimenta di una lingua poetica, travolgente e insieme precisa, racconta com'è crescere accanto a una persona che non si fida di noi. Un pugno dato sul cristallo della scrivania, un fuoco acceso a scuola insieme alle figlie della bidella, l’anoressia, l’adesione a Scientology: mentre Maria Grazia si dibatte cercando sé stessa, Ione continua a starle troppo vicina e insieme troppo lontana, a dannarsi per questa figlia che ama ferocemente, non riuscendo a sentirla  sua. Un libro  scritto con la giusta distanza e la piena consapevolezza dei sentimenti che covano sotto tanto rancore.

Talvolta Madre m’insulta in latino. Consulto IL – Vocabolario della lingua latina di Luigi Castiglioni e Scevola Mariotti. Rustica progenie semper villana fuit. Forse quel fuit ascrive l’insulto a un tempo passato. Fui villana. E ora?


Maria Grazia Calandrone nasce a Milano il 15 ottobre 1964. Poetessa, scrittrice, giornalista, drammaturga, è autrice e conduttrice radiofonica per Rai Radio 3 e regista per CorriereTV. Ha vinto i premi Montale, Pasolini, Trivio, Europa, Dessì e Napoli per la poesia, Bo-Descalzo per la critica letteraria. Fra i suoi ultimi libri, Serie fossile (Crocetti,2015), Gli scomparsi. Storie da «Chi l’ha visto?» (Pordenonelegge, 2016), Il bene morale (Crocetti, 2017), Giardino della gioia (Mondadori,2019). Porta in scena il videoconcerto Corpo reale. Ha curato la rubrica di inediti Cantiere Poesia per Poesia (Crocetti). Suoi libri e sillogi sono tradotti in molte lingue. Tiene laboratori di poesia in scuole pubbliche, carceri, DSM. Il suo sito è www.mariagraziacalandrone.it.