Piergiorgio Paterlini, Stanno smontando il mare

Racconti

Condividi

Scandito in varie sezioni che vanno dalla “luce piena” all’”oltre il buio”, Stanno smontando il mare e altri racconti di Piergiorgio Paterlini, pubblicato da Voland, raccoglie racconti scritti in un arco temporale molto lungo, consentendo al lettore di rapportarsi con la poetica di questo autore in tutta la sua ampiezza. Tra i temi affrontati risalta quello dell’adolescenza con le sue fragilità, i suoi miti e i suoi totem; quello della felicità e del ricordo e non manca una vena surreale come nel racconto che dà il titolo alla raccolta in cui alla fine dell’estate dopo aver smontato i lettini e gli ombrelloni si smonta anche il mare.

Si dice che l’amore duri per sempre, e la felicità sia, per sua natura, fatta di attimi. No. Io credo che sia l’amore, in realtà, quello che è fatto di attimi e che finisce. E la felicità quella che dura per sempre. È l’amore, quando finisce, che lascia svuotati e privi di senso. La felicità, quando finisce, ci lascia, ecco sì, “sospesi”. Ma non vuoti. 

Piergiorio Paterlini è nato a Castelnovo di Sotto, Reggio Emilia, nel 1954. Ha pubblicato una ventina di libri. Il suo long seller Ragazzi che amano ragazzi (Feltrinelli) compie trent’anni. Ha collaborato alla sceneggiatura dall’ultimo romanzo Bambinate (Einaudi, 2017). Con Michele Serra e Andrea Aloi ha fondato il settimanale Cuore. Dopo aver lasciato il giornalismo a tempo pieno ha scritto programmi per la tv e per la radio, e testi per il teatro. Ha un blog sull’Espresso, Le Nuvole, e scrive su Robinson/la Repubblica curando in particolare la rubrica Testo a Fronte.