Il bus: fumetto surreale di Paul Kirchner

    Una raccolta di strip a fumetti pubblicata per la prima volta negli Stati Uniti tra il 1979 e il 1985

    Condividi

    Il Bus di Paul Kirchner, è una raccolta di strip a fumetti pubblicata per la prima volta negli Stati Uniti tra il 1979 e il 1985 sulla rivista "Heavy Metal", ispirata alla storica rivista francese "Métal Urlant". Barta Edizioni traduce e pubblica in Italia la raccolta completa di questi piccoli episodi surreali che vedono protagonisti un uomo e un autobus. A partire da una prima vignetta in cui tutto sembra al proprio posto si procede verso una realtà stravolta: il mondo si capovolge, il freddo realismo metropolitano lascia spazio all'immaginazione e a rappresentazioni sempre più visionarie e assurde, senza alcun limite alle infinite possibilità del fumetto di rappresentare l'impossibile.

    Tra le influenze evidenti in questo piccolo gioiello di fumetto figurano senz'altro i capolavori del pioniere del fumetto Windsor McCay (da Little Nemo ai Sogni di un divoratore di crostini), ma anche la celeberrima serie tv Ai confini della realtà, l'immaginario surreale e onirico di Salvador Dalì, ma anche, non ultimo, le variazioni sul tema più famose di tutti i tempi: quelle degli Esercizi di stile di Raymond Queneau.


    Paul Kirchner, fumettista, illustratore, autore di storyboards e pubblicità, negli anni ha generato il western artistico-psichedelico Dope rider, alcune delle migliori (e surreali) copertine della rivista pornografica «Screw», un romanzo a fumetti quando ancora non si diceva graphic novel e ha pubblicato per vari anni su «Heavy metal».

     Per gentile concessione dell'editore Barta pubblichiamo in anteprima alcune tavole da Il Bus, di Paul Kirchner.