Torna a speciale Festa della Musica 2019

Microstoria della canzone italiana

Dal caffè concerto alla trap

Condividi

In principio era il caffè concerto, il salotto buono in cui la tradizione regionale della canzone napoletana incontra il melodramma e le prime esigenze d'intrattenimento popolare. Poi venne la radio, e per tutti gli anni Venti e Trenta del Novecento fu un fiorire di voci senza volto che propagandavano con eleganza le politiche del regime fascista. 

1945. Con le truppe americane arrivano anche il jazz, lo swing e l'idea di rinnovamento ritmico: Renato Carosone e Fred Buscaglione inventano canzoni che funzionano come piccoli, irriverenti atti teatrali. 

Nascono i grandi festival: Sanremo, il Festival di Napoli e, nel 1956, il Gran Premio Eurovisione della Canzone. Alla dittatura della performance si oppone a sorpresa il ballo scattoso di Adriano Celentano, mentre lo chansonnier Luigi Tenco uccide con noncuranza il conformismo dei buoni sentimenti: “mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare”.

Arriva il beat, che incamera le istanze della nascente controcultura. "Il mio mitra è un contrabbasso che ti spara sulla faccia ciò che penso della vita", cantano gli Area di Demetrio Stratos. Gioia e Rivoluzione vanno in scena nella Woodstock italiana di Parco Lambro. Si definiscono gli schieramenti: l'intellettuale De Andrè da una parte e il bon sauvage Battisti dall'altra. Oracolo della sinistra l'uno, mito della destra l'altro.

Anni Ottanta, il decennio di plastica. Che bella però la new wave dei CCCP e dei Diaframma, che nulla più deve al passato e guarda dritta in faccia al pop d'oltremanica! 

Suonano quasi più conformisti gli anni Novanta. Malgrado l'indie d'autore di Afterhours e Marlene Kuntz, la gioiosa macchina da guerra pop di Laura Pausini impone ben oltre i confini italici la consapevolezza commerciale di una tradizione storica fatta di melodia, bel canto e racconto dei sentimenti.

Saltano infine generi, etichette e definizioni nelle playlist del nostro presente digitale in cui tutto si mischia senza previsione o pregiudizio. Chissà come la storia giudicherà quest'ultimo capitolo del grande romanzo collettivo che è la nostra canzone nazionale.