Fatboy Slim

Fatboy Slim

Chiedi cos'era il Big Beat

Fatboy Slim

Condividi

Dj e produttore tra i più influenti degli ultimi vent’anni, Fatboy Slim ha avuto il merito di combinare suoni digitali e musica pop. Tra i primi a lanciarsi in questa sperimentazione, ha dato vita a uno stile, il big beat, che racchiude hip hop, break beat, R&B e continua a far ballare i fan di tutto il mondo. 

Non avevo intenzione di creare un nuovo genere musicale, volevo distruggere tutti i confini.

Dopo essere cresciuto a Redhill, Quentin Leo Cook, in arte Norman, si trasferisce a Brighton per frequentare il college con l'amico Paul Heaton ed inizia a lavorare come DJ. Nel 1985 si sposta a Hull per suonare il basso nella band di Paul, gli Housemartins. Dopo il tour con Billy Bragg, il gruppo ottiene un contratto con l'etichetta Go! Discs e produce una versione di Caravan of Love (cover degli Isley Brothers) che ottiene un ottimo successo. La band si scioglie e Cook rientra a Brighton e riprende la carriera di DJ. 

Lavora ad un mix del celebre I Got Your Soul di Eric B e Rakim, per poi formare il collettivo di artisti Beats International, una sorta di confederazione di artisti che include Lindy Layton, Lester Noel, DJ Baptiste, lo stesso MC Wildski e altri artisti. Nel 1989 realizzano il singolo Dub Be Good To Me che arriva in prima posizione ma li porta in tribunale per la la presenza di un sample dei Clash non autorizzato (Cook e soci perderanno la causa). La successiva prova, l'album Excursion on the Version (che esce nel 1991) esplora nel dub e nel reggae senza troppi riscontri.

Norman divorzia dalla moglie e per due anni non produce niente.

Nel 1994 insieme a Ashley Slater e Jesse Graham forma i Freak Power, che pubblicano il loro album di debutto Drive Thru Booty. Il disco contiene il fortunatissimo singolo Turn On, Tune In, Cop Out, utilizzato in una celebre campagna pubblicitaria della Levi's. Nel 1996 la band ritorna con il secondo album, More of Everything for Everybody.    

Cook inizia a collaborare con gli amici Tim Jeffery e JC Reid, con i quali crea un album di musica house sotto lo pseudonimo di Pizzaman. Si tratta dell'omonimo disco che contiene tre hit da classifica: Trippin' on Sunshine, Sex on the Streets e Happiness. I videoclip di tutti e tre i singoli vengono diretti da Michael Dominic.

Sono stato decisamente fortunato a poter lavorare con alcuni grandi registi per i miei video. Di solito guardo una decina di script e fra questi ce n’è sempre uno che sembra dare vita al pezzo…  Adesso non riuscirei ad ascoltare brani come Praise You o Ya Mama senza ricollegarle alla storia nel video.

Inoltre Cook forma il gruppo The Mighty Dub Katz con GMoney. Insieme a lui diventa gestore e dj residente di un nightclub a Brighton, il Big Beat Boutique. Nel corso degli anni successivi imprime il proprio marchio sulla scena musicale dando vita al cosiddetto Brit Hop.

Con Damien Harris fonda la Skint Records e cambia il proprio nome in Fatboy Slim, riprendendo il nomignolo di un artista blues degli anni '40. Nel 1996 arriva l'album Better Living Through Chemistry riferito ad uno slogan statunitense degli anni 50 sull'importanza del Valium come calmante per i bambini iperattivi. Evidente il riferimento alla chimica e ai Chemical Brothers, gruppo che lo ha convinto a realizzare l'album.

L'anno seguente arriva il successo planetario con il remix di Renegade Master di Roger "Wildchild" MacKenzie e soprattutto di Brimful of Asha dei Cornershop, che rimane al primo posto in classifica per diverse settimane. Fatboy Slim è ormai lanciatissimo e remixa brani anche per Beastie Boys, Wildchild e Fluke.

Il segreto di un buon remix sta nel trovare una traccia che sia grandiosa ma c allo stesso tempo, non è stata messa assieme nel modo giusto. Quindi la completi tu, e poi ti bagni nella gloria riflessa!

Il 1998 è l'anno della consacrazione: l'album You've Come a Long Way, Baby (il cui titolo è tratto da uno slogan delle sigarette Virginia Slims) vende 4 milioni di copie e conquista il disco di platino negli Stati Uniti. Caratterizzato da un repertorio ripetitivo e ballabile, è quello che si definisce "album seminale", in grado di ispirare molta electronica degli anni a seguire. 

Il primo singolo è The Rockafeller Skank, tormentone dell'estate e colonna sonora del videogame FIFA 99. Praise You, il secondo singolo, diviene il primo pezzo di Cook a raggiungere la vetta della Official Singles Chart. Il videoclip di questo brano, diretto da Spike Jonze, vince numerosi premi tra cui tre MTV Video Music Awards e una nomination ai Grammy. Anche il singolo Right Here, Right Now riscuote un enorme successo a livello internazionale. 

Oh, ricordo nitidamente il periodo di costruzione dell’album: praticamente facevo feste tutto il weekend. La domenica sera ero sempre un rottame, non riuscivo a guidare, non riuscivo nemmeno ad accendere i synth e le macchine dello studio. Tutte le buone o cattive idee anche musicali che mi venivano nel weekend erano come per magia cancellate. Dalla domenica sera al giovedì però ero sempre a comporre. Questa era la mia vita: non avevo una ragazza, stavo in studio tutta la settimana e poi il giovedì sera iniziava il weekend! 

Nel 1999 Slim si esibisce al Glastonbury Festival, a Ibiza con i Chemical Brothers e ad altri importanti festival di musica elettronica in giro per il mondo.

Nel 2000 pubblica Halfway Between the Gutter and the Stars, nell'album Slim campiona la voce di Jim Morrison e ospita Macy Gray, Bootsy Collins e Roland Clarke degli Urban Soul. Per il video di Weapon of Choice (che vincerà sei premi agli MTV Video Music Awards) ingaggia Christopher Walken

Il 6 luglio 2001 tiene un concerto sulla spiaggia di Brighton davanti a 40.000 persone. L'anno seguente ripete l'evento di fronte a 250mila spettatori. Due anni dopo a Rio de Janeiro le presenze arrivano a 450mila. Continua a tenere concerti sulle spiagge, ormai il suo marchio di fabbrica.

Sapevo di essere un bravo deejay, anche se fino ai primi anni ’90 era solo un hobby per me. Poi ho percepito il momento storico, che le cose stavano cambiando. Lo capivi andando nelle discoteche più interessanti, dove non c’erano più solo i ravers o i clubbers ma ci andava anche chi ascoltava musica indie. I DJ stavano diventando delle star e così mi è sembrato più naturale essere un DJ che pretendere di essere un musicista.

Nell'ottobre 2004 esce il suo album a quattro anni di distanza dal precedente: Palookaville. L'album è preceduto dal singolo Slash Dot Dash. Il disco segna una svolta "tradizionalista": i loop vocali e le sperimentazioni dance lasciano spazio anche agli strumenti convenzionali, con Norman che riprende in mano il basso, mentre le canzoni si avvicinano al pop rock. Ad affiancarlo in questo lavoro c'è sempre Bootsy Collins, oltre a Damon Albarn e al rapper Lateef.

Nel 2008 debutta col progetto The Brighton Port Autority (The BPA), a cui collaborano David Byrne e Dizzee Rascal. Il progetto confluisce in Toe Jam, canzone che non ottiene il successo sperato ed il cui video, diretto da Keith Schofield, vede protagonisti ballerini e ballerine nudi. 

Il concept album Here Lies Love (che esce nel 2010) mantiene uno stile ballabile pur accostandosi all'eclettismo di David Byrne che ha partecipato al disco.

Nell'agosto 2012 Fatboy si esibisce alla cerimonia di chiusura dei Giochi della XXX Olimpiade.
​​​​​​​
Nel 2018 è sul palco dello storico concerto del primo maggio a Roma.