Memoriale per una rinascita. Meditazione in musica

    Concerto per la prima Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia di Coronavirus

    Condividi

    Il 18 marzo 2021, nella prima Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia di Coronavirus, il Comune e la Diocesi di Bergamo, in collaborazione con l’Ospedale Papa Giovanni XXIII e Humanitas Gavazzeni, hanno dato vita ad un fitto programma di celebrazioni.

    Alle 20.30, presso la Cattedrale Sant’Alessandro, Bergamo Città Alta, è stato eseguito il Memoriale per una rinascita. Meditazione in musica. La sinfonia dell’unità di riflessione e preghiera delle diverse fedi, religioni, comunità, celebrata nel pomeriggio, è stata completata idealmente in una seconda parte con il linguaggio universale della musica, simbolicamente nella composizione Dona pacem, offerta alla città in questa circostanza dalla compositrice e direttrice d’orchestra M° Damiana Natali.

    Presenti solamente i rappresentanti delle Istituzioni della città di Bergamo: il Vescovo, S. E. Francesco Beschi, il Segretario Generale della Curia, Mons Giulio Dellavite, il Sindaco, Giorgio Gori, il Prefetto, Enrico Ricci.

    Ottanta artisti hanno partecipato all’esecuzione, provenienti dalle tre Regioni, più colpite dalla pandemia: Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

    Per noi artisti è stata una grande emozione, un momento speciale, ritrovarsi dopo il lungo silenzio. [...] La musica unisce, soprattutto nei momenti più difficili, con un linguaggio che per eccellenza è universale. Il suo alfabeto sembra piccolo, ma l’unico ad essere così immenso e comprensibile in tutto il mondo
    Damiana Natali

    Questa composizione fa parte di un programma al quale Damiana Natali sta lavorando, che porta il nome di Musica per la Rinascitacomprende una serie di brani inediti e di concerti tra cui Note di Luce e la Notte degli Abbracci.

    La musica è un evidente legame tra la creazione umana e divina, come il nostro Spirito. Essa fonde popoli e spiriti, indipendentemente da tradizioni, usanze, religioni.  [...] Proprio partendo da questo concetto di universalità il 'Dona Pacem' si ispira ad aspetti melodici che ricordano elementi ricorrenti sia nella musica sacra occidentale, sia in quella orientale, sia in quella ebraica
    Damiana Natali


    La struttura della composizione. Le sezioni

    Il Dona Pacem è strutturato in un solo tempo, suddiviso internamente in brevi sezioni che richiamano il testo del requiem, modificato, abbreviato e reso utile e duplice quale richiesta di pace per deceduti e viventi.
    Requiem aeternam
    Don Pacem
    Rex traemende majestatis
    Libera me Domine
    Kyrie
    Miserere nobis
    Dona pacem
    Requiem aeternam
    Sactus
    Sanctus Pie Jesus Domin
    Amen,
    Così Sia Amen


    Il programma è stato completato con l'esecuzione di:
    Antonio Vivaldi (1678 -1741) Gloria RV 589
    Gloria in excelsis Deo, Laudamus Te, Qui sedes ad dexteram patris, Cum sancto Spiritu


    Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) Messa da Requiem K 626
    Kyrie, Dies irae, Tuba mirum, Rex Tremendae, Confutatis, Lacrimosa, Benedictus


    Orchestra Ars Armonica
    Coro Città Piazzola sul Brenta 
    Federica Vitali, soprano
    Anna Maria Chiuri, contralto
    Ivan Defabiani, tenore
    Marco Spotti, basso

    Paolo Piana, Maestro del coro
    Damiana Natali, Direttrice