Fabio Luisi inaugura la stagione dell'Orchestra Rai con la "Resurrezione" di Mahler

Fabio Luisi inaugura la stagione dell'Orchestra Rai con la "Resurrezione" di Mahler

Tutto esaurito per la prima di mercoledì 19 ottobre, in diretta su Rai5 e Radio3

Fabio Luisi inaugura la stagione dell'Orchestra Rai con la "Resurrezione" di Mahler
Una monumentale opera sinfonico-corale simbolo della spiritualità trionfatrice sulla morte. È la Sinfonia n. 2 in do minore detta “Resurrezione” per soli, coro e orchestra di Gustav Mahler, che l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e il suo Direttore emerito Fabio Luisi propongono per il concerto inaugurale della Stagione 2022/2023, in programma mercoledì 19 ottobre alle 20 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, con trasmissione in diretta TV su Rai5, su Radio3 e in live streaming su RaiPlay (a questo link www.raiplay.it/dirette/rai5). La serata inaugurale ha fatto registrare il “tutto esaurito”. Posti ancora disponibili per la replica a Torino di giovedì 20 ottobre alle 20.30. Il concerto sarà proposto anche al Teatro Nuovo Giovanni da Udine venerdì 21 ottobre, in occasione del 25esimo anniversario della costruzione del teatro principale del capoluogo friulano.
La grandiosa pagina mahleriana è altamente significativa per la recente storia dell'Orchestra Rai: fu infatti eseguita nel gennaio 2006 sotto la bacchetta di Raphael Frühbeck de Burgos per la riapertura dell’Auditorium Rai di Torino dopo otto anni di restauri
Negli anni seguenti fu riproposta nel marzo 2014 da Juraj Valcuha e nel gennaio 2020 da James Conlon, entrambi in quegli anni Direttori principali della compagine. Oggi la sinfonia, che coinvolge più di 110 strumentisti sul palco, cui si aggiungono un coro di 70 voci e due cantanti soliste, è chiamata a rappresentare un ritorno alla sontuosa normalità di una grande orchestra sinfonica come quella della Rai, dopo la programmazione a ranghi ridotto resasi necessaria negli scorsi anni a causa della pandemia. A interpretarla, accanto a Fabio Luisi - che ricopre prestigiosi incarichi presso l’Orchestra della Radio Danese, la Dallas Symphony Orchestra e la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, e che nel corso della stagione Rai dirigerà cinque diversi concerti - sono chiamati il Coro del Teatro Regio di Torino diretto da Andrea Secchi e le voci soliste del soprano Valentina Farcas e del contralto Wiebke Lehmkuhl.
Composta fra il 1888 e il 1894, quando Mahler era direttore del Teatro dell’Opera di Budapest e di Amburgo, la Seconda Sinfonia è il lavoro che ha richiesto al suo compositore il tempo di gestazione più lungo. Si tratta di un’opera corale dalle proporzioni monumentali, iniziata da un ragazzo di ventotto anni e terminata sei anni dopo da un uomo di trentaquattro, già piuttosto affermato. Durante la stesura della Seconda sinfonia infatti, Mahler avvicinò progressivamente la consapevolezza di aver raggiunto l’età matura, anche grazie al crescente successo come direttore d’orchestra, che gli conferiva un’autorità completamente nuova
I primi tre movimenti furono diretti dallo stesso compositore il 4 marzo 1895 a Berlino, senza particolare successo. La prima esecuzione integrale, il 13 dicembre dello stesso anno, sempre a Berlino, decretò invece un vero e proprio trionfo di pubblico. Il successo fu dovuto all'aggiunta del Lied per contralto Urlicht (Luce primordiale), tratto dalla raccolta di canti popolari curata da Arnim e Brentano Des Knaben Wunderhorn (Il corno magico del fanciullo), e dell’ultimo tempo, che incorpora l’intervento di coro, soprano e contralto sul testo dell’ode Die Auferstehung (La resurrezione) di Friedrich Klopstock. Qui Mahler parla a tutta l’umanità, veicolando un messaggio di fede che nel bagliore accecante della luce passa dal Giudizio Universale alla Resurrezione di tutte le anime.
I biglietti per il concerto del 20 ottobre a Torino, da 9 a 30 euro, sono in vendita online e presso la biglietteria dell’Auditorium Rai di Torino. Informazioni: 011.8104653 – biglietteria.osn@rai.it 
Auditorium Rai “A. Toscanini”, Torino
Mercoledì 19 ottobre 2022, 20.00
Giovedì 20 ottobre 2022, 20.30


FABIO LUISI direttore
VALENTINA FARCAS soprano
WIEBKE LEHMKUHL contralto
CORO TEATRO REGIO TORINO
ANDREA SECCHI
direttore del coro
ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI

Gustav Mahler (1860-1911)
Sinfonia n. 2 in do minore Resurrezione per soli, coro e orchestra, 
su testi da Des Knaben Wunderhorn e da Der Messias di Friedrich Klopstock (1888-1895)

I.    Allegro maestoso. Mit durchaus ernstem und feierlichem Ausdruck (Con espressione del tutto seria e solenne) 
II.    Andante moderato. Sehr gemächlich (Molto comodo) 
III.    In ruhig fliessender Bewegung (Con moto tranquillo e scorrevole) 
IV.    Urlicht (Luce primigenia). Sehr feierlich, aber schlicht, Choralmässig (Molto solenne, ma semplice, come un corale) 
V.    Im Tempo des Scherzo, Wild herausfahrend (Selvaggio prorompente) – Langsam (Lento) – Allegro energico – LangsamAufersteh’n (Risorgerai). Langsam. Misterioso

Durata: 80’ ca.
Ultima esecuzione Rai a Torino: 23 gennaio 2020, James Conlon, Lucia Cesaroni, Vivien Shotwell, Coro del Teatro Regio di Parma

Concerto senza intervallo

Il porgramma di sala del concerto

File PDF - Dimensioni 2513 kB