Torna a speciale lincei per il clima

Le rocce ci raccontano il clima negli ultimi 700 milioni di anni

Elisabetta Erba

Condividi

I dati raccolti negli ultimi 20 anni ci raccontano in modo inequivocabile che la concentrazione di CO2 nell'atmosfera è aumenatata da circa 280 parti per milione in tempi preindustriali fino ad oltre 400.
Associato a questo aumento della CO2 c'è stato un riscaldamento globale di oltre 1 grado con alcune conseguenze già in atto negli ecosistemi.
Se proiettiamo gli stessi cambiamenti nel futuro potremmo raggiungere delle condizioni talmente eccezionali ​​​​da dover andare indietro nel tempo geologico di vari milioni di anni per studiare che cosa è già successo sul nostro pianeta in tempi di forti perturbazioni ambientali.
​​​​​​Studiando le reazioni della biosfera possiamo essere consci di quello che potrebbe succedere al pianeta Terra nell'imminente futuro.

Elisabetta Erba
Dal 2005 Prof. Ordinario di Paleontologia e Paleoecologia  presso il Dip. di Scienze della Terra dell'Università degli Studi di Milano.
E’ specialista di nannofossili calcarei (fitoplancton marino), utilizzati per datare le rocce e per ricostruzioni paleoclimatico-paleoceanografiche e di paleo-CO2. Studia i sediemnti marini per comprendere cause e conseguenze dei cambiamenti globali del passato e in corso.
Autore di oltre 160 pubblicazioni, è presente nei 10 TOP Italian Scientist – Earth Sciences dal 2015.
Socia dell’Accademia Nazionale di Lincei dal 2013.