Torna a speciale La Notte Europea dei Ricercatori 2020

    Progetto ERN-Apulia2

    Coordinato dall'Università di Salerno

    Condividi

    Anche nel 2020, avvicinarsi al mondo della ricerca e confrontarsi con i ricercatori che ne sono giornalmente protagonisti in Puglia sarà possibile grazie al progetto europeo ERN-Apulia2. Rifinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska Curie e coordinato dall’Università del Salento, il progetto è uno dei 7 finanziati in Italia e coinvolge le università statali ed i principali enti pubblici di ricerca pugliesi: l’Università di Bari, il Politecnico di Bari, l’Università di Foggia, gli enti pubblici di ricerca CNR, INFN, ENEA, IIT, INSTM, CMCC oltre all’IRCCS-DeBellis di Castellana Grotte ed il Museo MArTA di Taranto.

    Le principali iniziative si svolgeranno venerdì 27 novembre nelle città di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto ed a Castellana Grotte (anziché settembre a causa dell’emergenza COVID) ma numerosi saranno gli eventi di avvicinamento nei mesi precedenti (in particolare a settembre, tradizionale data europea per la Notte) con particolare intensità nella settimana della Notte. Numerosi saranno i temi e le modalità di divulgazione e partecipazione. Temi comuni riguarderanno l’Universo, il Mondo subatomico, la Biosfera, i Beni Culturali, le Scienze umane e le Tecnologie future, ma i diversi siti presenteranno anche focus su attività caratterizzanti la ricerca nel territorio, tra cui nanotecnologie, biotecnologie, medicina personalizzata, aerospazio, agroalimentare, materiali per la sostenibilità, dieta mediterranea, archeologia. Nonostante le difficoltà collegate al COVID, stiamo programmando un'edizione coinvolgente anche per quest'anno.

    A causa delle restrizioni dovute all'emergenza COVID-19, per garantire la sicurezza, i partecipanti potranno, in numero limitato e previa prenotazione, scegliere tra diverse modalità di fruizione, quali visite a laboratori e musei, partecipazione a dibattiti su tematiche attuali, presentazioni e spettacoli divulgativi. Ampio spazio sarà dato alle modalità di fruizione telematica, su sito web e canali social, incluse collegamenti in diretta moderati da un giornalista e video dimostrativi anche con piccoli esperimenti scientifici e giochi divulgativi. I partecipanti potranno anche conoscere la storia di scoperte e ricercatori pugliesi, per comprenderne meglio speranze, successi e difficoltà. Vi sarà poi anche l’opportunità per esser direttamente protagonisti della ricerca tramite iniziative di CitizenScience ed una sezione appositamente dedicata alle Donne nella scienza. 
    Inoltre la  notissima opera teatrale 'Copenhagen' di Michael Frayn, portata in Italia la prima volta dal 'Piccolo' e che ha dato inizio al teatro di argomento scientifico, verrà prodotta con un compagnia teatrale locale. 

    http://www.ern-apulia.it/