Torna a speciale La Notte Europea dei Ricercatori 2020

    Progetto SHARPER

    In 13 città italiane

    Condividi

    Siamo entusiasti del risultato raggiunto, che premia l’altissimo livello di collaborazione tra mondo della ricerca e mondo della comunicazione in un momento in cui questo connubio è strategico per tutti i cittadini
    Leonardo Alfonsi, coordinatore nazionale del progetto

    Pensare nuovi modi di coinvolgimento del pubblico, conservando lo spirito di curiosità e partecipazione che lo ha caratterizzato, è la sfida del 2020 degli organizzatori di SHARPER, il progetto di divulgazione scientifica che sarà presentato il 27 novembre nell'ambito della Notte Europea dei Ricercatori.

    SHARPER 2020 è il progetto per la Notte Europea dei Ricercatori in tredici città italiane (Ancona, Cagliari, Camerino, Catania, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Pavia, Palermo, Perugia, Terni, Torino, Trieste) coordinato da Psiquadro, società che dal 2002 si occupa di comunicazione della scienza e della ricerca. L’acronimo SHARPER - SHAring Researchers’ Passion for Evolving Responsibilities - sintetizza l’obbiettivo principale del progetto: creare occasioni di coinvolgimento del pubblico per far conoscere il lavoro dei ricercatori e il suo impatto sociale. In particolare, nel 2020 SHARPER propone attività che legano le azioni della ricerca ai Sustainable Development Goals. Qual è il ruolo della ricerca e dei ricercatori nel raggiungimento dei 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile, a 10 anni dalla data indicata come traguardo dalle Nazioni Unite? Partendo dalle sollecitazioni proposte dalle sfide globali - dai cambiamenti climatici allo sviluppo urbanistico, dalla salvaguardia della biodiversità alle questioni di genere - l’evento aiuta il pubblico a scoprire il ruolo fondamentale dei ricercatori come attori fondamentali nel disegnare il futuro insieme ai cittadini.

    Le attività dell’edizione 2020 saranno declinate attraverso una gamma variegata di formati online, dal live streaming al webinar, dal virtual gaming alla citizen science a distanza, dai virtual tour alle performance artistiche, fino a nuove forme di dialogo tra ricercatori e mondo della scuola, coinvolgendo oltre 500 ricercatori nell’intento di ripensare quella relazione diretta con il pubblico che da sempre caratterizza SHARPER alla luce delle esigenze del presente e grazie all’utilizzo di tecnologie e linguaggi innovativi. Un rinnovamento che sarà anche l’occasione per potenziare la dimensione di rete del progetto, grazie a una maratona digitale di 24 ore che coinvolgerà ricercatori, divulgatori, comunicatori e personaggi del mondo dello spettacolo in un ricco palinsesto costruito in maniera corale dalle città partner. Nel corso degli ultimi anni SHARPER è passato dalla dimensione di progetto su scala regionale all’attuale fisionomia di progetto nazionale, che nel 2018 e nel 2019 ha coinvolto oltre 200.000 spettatori e più di 100 partner culturali in tutta Italia, da musei a università.

    Nel 2020 il consorzio SHARPER, guidato da Psiquadro, comprende 10 partner: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - INFN, Università di Perugia, Università Politecnica delle Marche, Università di Catania, Università di Cagliari, Università di Palermo, Università di Torino, oltre al museo della scienza di Trieste (Immaginario Scientifico) e alla società Observa, che ogni anno cura lo studio sul rapporto tra Scienza e Società. Sono oltre 100 i partner culturali coinvolti su tutto il territorio nazionale, da istituti di ricerca – tra i quali INAF, INGV e CNR - a musei, fino ad aziende attente alle tematiche dell’innovazione scientifica.

    https://www.nottedeiricercatori.it/sharper/