Assalto al Quirinale

Pio IX fuggirà a Gaeta, nascerà la Repubblica

Condividi

 I romani assaltano il Quirinale, sede del Papa. La miccia della rivolta viene accesa il giorno prima con l’uccisione del primo ministro Pellegrino Rossi. Dopo l'assalto al Quirinale e l'uccisione di Monsignor Palma, segretario del Papa, Pio IX fugge a Gaeta nella notte fra il 24 e 25 novembre 1848. Con il crollo del potere pontificio, il 9 febbraio 1849, il popolo romano proclama la repubblica, chiamando a dirigerla un triunvirato composto da Mazzini, Armellini e Saffi. La Repubblica romana cadrà il 4 luglio 1849 sotto i colpi delle truppe francesi, al comando del generale Oudinot e inviate a Roma da Luigi Napoleone.