I britannici invadono il regno Zulu

Sarà una guerra sanguinosa

Condividi

Le truppe inglesi entrano nel territorio dello Zululand, dando inizio ad uno dei più sanguinosi conflitti della storia del colonialismo europeo in Africa. Il regno Zulu rappresenta un ostacolo ingombrante sulla strada della realizzazione di una federazione di stati che garantisca agli inglesi il pieno controllo della regione sudafricana, sul modello di quanto era già avvenuto in Canada. Il pretesto per l’invasione è la mancata accettazione da parte del re Zulu Cetshway delle condizioni imposte dall’ultimatum dell’alto commissario per l’impero britannico, Sir Henry Bartle Frere. Le iniziali e inaspettate disfatte subite dall’esercito inglese, in particolare quella di Isandlwana, frenano le trattative richieste da Cetshway per arrivare a un accordo negoziato, poiché costringono Londra a un impegno militare su vasta scala. L'inevitabile vittoria finale dei britannici sarà il preludio della dissoluzione del regno Zulu.