La Corte Costituzionale libera le "radio libere"

Solo a diffusione locale

Condividi

Una sentenza della Corte Costituzionale sancisce la legittimità delle trasmissioni radiofoniche private, purché a diffusione locale. Inizia l’era delle “radio libere” e finisce il monopolio della radio di stato. In ogni parte d’Italia fioriscono centinaia di nuove emittenti, che danno voce a una parte del paese tradizionalmente ignorata dalla grande emittenza. Il 10 marzo 1975 aveva già cominciato a trasmettere Radio Milano International, la più famosa delle prime radio libere, la prima a rompere il monopolio sulle frequenze. Il 9 febbraio del 1976 si aggiunge da Bologna Radio Alice.