La polizia di Chicago uccide Fred Hampton

Leader delle "Pantere Nere"

Condividi

Fred Hampton, ventunenne leader delle “Pantere Nere”, viene ucciso dalla polizia di Chicago. Il movimento delle Pantere Nere nasce per sostenere il processo di emancipazione e liberazione degli afroamericani, fino ad allora pesantemente discriminati, socialmente, politicamente e legislativamente. In contrapposizione alle tesi sulla non violenza di Martin Luther King, le Pantere Nere utilizzano come strumento di lotta l’autodifesa. Il movimento entra presto nel mirino dell'FBI, che si adopera per smantellarlo attraverso l'infiltrazione di agenti sotto copertura, blitz nelle sedi del movimento, arresti e omicidi mirati, come quello di Fred Hampton.