Mondmilito. 15-20 luglio 1914

I fatti della storia

Condividi

Mondmilito in esperanto significa "guerra mondiale". Presentiamo qui una rassegna stampa degli articoli più interessanti estratti dai principali giornali europei pubblicati nel periodo della Grande Guerra, suddivisi per settimana a partire dal 29 giugno 1914, all’indomani dell’attentato di Sarajevo, l’evento scatenante di tutto il conflitto mondiale. Una prospettiva differente attraverso cui analizzare, riflettere e in alcuni scoprire nuovi dettagli relativi ad uno dei momenti più oscuri vissuti nel corso del Novecento. 
In questo terzo episodio si prendono in considerazione i fatti della settimana dal 15 al 20 luglio 1914. Le cancellerie del vecchio continente lavorano senza sosta nel tentativo di fermare un escalation incontrollabile come la tensione serbo-austriaca. La Francia scottata dalla rovinosa sconfitta  del 1870, si interroga sulla preparazione del proprio esercito. Procedono le indagini in Bosnia e in Serbia sui mandanti dell’omicidio dell’arciduca Francesco Ferdinando.
La crisi in Europa, il ristagno in borsa e il calo dei prezzi di Parigi, gli affari in Europa e in Messico influiscono pesantemente sul mercato economico, mentre gli Stati Uniti sperimentano nuove iniziative.
Sui quotidiani trova spazio anche la notizia relativa all’ultima meraviglia di New York: un grattacielo per tre quarti in vetro ma totalmente chiuso. Da segnalare inoltre il decesso di Rasputin dopo il grave ferimento per mano di una sconosciuta. Anche l’Italia non rimane indifferente di fronte ai gravi fatti internazionali: chiama alle armi settantamila uomini, è un vero e proprio decreto di arruolamento.