Mondmilito. 21-27 luglio 1914

I fatti della storia

Condividi

Mondmilito in esperanto significa "guerra mondiale". Presentiamo qui una rassegna stampa degli articoli più interessanti estratti dai principali giornali europei pubblicati nel periodo della Grande Guerra, suddivisi per settimana a partire dal 29 giugno 1914, all’indomani dell’attentato di Sarajevo, l’evento scatenante di tutto il conflitto mondiale. Una prospettiva differente attraverso cui analizzare, riflettere e in alcuni scoprire nuovi dettagli relativi ad uno dei momenti più oscuri vissuti nel corso del Novecento. 
In questo quarto episodio si prendono in considerazione i fatti della settimana dal 21 al 27 luglio 1914. La prima è una notizia economica di grande impatto: gli organismi finanziari americani, sono ormai certi di una guerra di vaste dimensioni e si preparano ad operare da protagonisti indiretti del conflitto. Mentre il governo russo, cerca disperatamente di rallentare il corso degli eventi, pur tutelando il suo alleato serbo, rimane tuttavia poco preparato all’azione belligerante.
La crisi internazionale investe la vita quotidiana e sociale dei singoli paesi, in un clima di tensione sono riportati a volte episodi anche grotteschi: la notizia resa pubblica su un giornale italiano, afferma l’arresto di un abate per spionaggio, e per le sue consistenti avventure amorose. Il timore dei francesi è giustificato dall’impressionante ritardo accumulato in campo militare rispetto al possibile nemico tedesco, mentre gli uni preparano il riarmo, gli altri sono già sul piede di guerra. La modernizzazione in America e la preoccupazione dell’imminente guerra coinvolge in realtà solo una élite sociale, mentre le questioni interne restano sempre in primo piano.
La modernizzazione non è fonte di retribuzione soltanto per gli americani, anche la Francia di inizio secolo, vanta un’innovazione tecnologica civile di comunicazione urbana. La telefonia moderna però si svilupperà in seguito, la settimana infatti si chiude con la prima mobilitazione ufficiale degli eserciti.