Il pastore della pace

Il pastore della pace

Una vita contro la segregazione razziale

Il pastore della pace

Condividi

Una puntata del programma Passato e Presente che ricostruisce la vita del leader americano. Da segnalare anche un'intervista esclusiva alla figlia Bernice King,  in occasione del ritiro del "Premio Internazionale per la pace e la non violenza" a Monteleone di Puglia, il 10 marzo 2018. Tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta, Martin Luther King diventa il capo del Congresso dei leader cristiani degli Stati del Sud e leader indiscusso del movimento per i diritti civili. Un impegno che lo porta ad appoggiare pubblicamente il partito democratico e il 2 luglio 1964 a vedere la firma del presidente Johnson sul Civil Right Act: la segregazione nelle scuole, sul posto di lavoro e nelle strutture pubbliche viene dichiarata illegale. E il 10 dicembre 1964, a Oslo, Martin Luther King riceve il Premio Nobel.

Tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta, Martin Luther King diventa il capo del Congresso dei leader cristiani degli Stati del Sud e leader indiscusso del movimento per i diritti civili

Quattro anni dopo, il 4 aprile 1968. il reverendo esce sul balcone del Lorraine Hotel di Memphis dove alloggia e un proiettile sparato da un fucile di precisione lo colpisce alla testa. Il delitto di Martin Luther King suscita l'indignazione di tutte le coscienze civili del mondo. Particolarmente toccanti le parole di Bob Kennedy, che annuncia la morte di King davanti a una folla sgomenta. Così come quelle di Paolo VI proferite il 7 aprile 1968 durante la celebrazione della "Domenica in Palmis", tre giorni dopo la morte del reverendo. Le sue idee però non muoiono con lui, ma proseguono grazie all'attività per i diritti civili promossa dalla moglie Coretta Scott King. Tutti e quattro i figli seguono le orme dei genitori come attivisti per la lotta per i diritti civili.