Torna a speciale storia in breve

    Il Santo Sociale

    Storia in breve

    Condividi

    Nel 1846 Don Giovanni Bosco riesce a stabilizzare il suo oratorio a Valdocco, vicino Torino, iniziando un percorso che lo porterà a dedicare la sua vita ai ragazzi più poveri e più bisognosi, diventando, secondo le parole di papa Giovanni Paolo II, “padre e maestro della gioventù”. La storica Maria Chiara Giorda, docente di storia delle religioni, ci guida all’approfondimento della rivoluzione sociale e cattolica operata da Don Giovanni Bosco nella seconda metà dell’Ottocento. 

    Un uomo e un sacerdote lungimirante, capace di giocare un ruolo determinante anche nel processo di unificazione nazionale, con un’azione di mediazione tra il pontefice Pio IX e il nascente Regno d’Italia

    A supporto, dalle Teche Rai, un racconto della vita del prete piemontese, diventato santo nel 1934. Un uomo e un sacerdote lungimirante, capace di giocare un ruolo determinante anche nel processo di unificazione nazionale, con un’azione di mediazione tra il pontefice Pio IX e il nascente Regno d’Italia. Nel 1874 l'opera di Don Bosco è finalmente consacrata e riconosciuta dalla Santa Sede e dalla società civile, con l’approvazione definitiva della Società Salesiana.