Messina, la terra trema

    Il terremoto che ha distrutto una città

    Condividi

    Ore 5.20 del 28 dicembre 1908: la terra trema tra Messina e Reggio Calabria. Le città assistono ad uno dei terremoti più violenti di sempre in Italia. I sopravvisuti alle macerie, tentano di trovare la salvezza riversandosi sulle spiagge, pensando al mare come unica via di fuga.

    Ore 5.20 del 28 dicembre 1908: la terra trema tra Messina e Reggio Calabria


    Purtroppo però un forte maremoto si riversa sulle coste con onde tra i 6 e i 13 metri. La tragedia si amplifica: i morti alla fine saranno sono oltre centomila. Tra le numerose testimonianze quella struggente dello storico Gaetano Salvemini, che allora insegnava presso l'università di Messina, che perde tutti i suoi familiari. Per alcuni giorni viene ritenuto morto anche lui: "Ero a letto allorquando sentii che tutto barcollava intorno a me e un rumore sinistro che giungeva dal di fuori. In camicia come ero, balzai dal letto e con uno slancio fui alla finestra per vedere cosa accadeva. Feci appena in tempo a spalancarla che la casa precipitò come in un vortice, si inabbissò e tutto disparve in un nebbione denso, traversato da rumore come di valanga e da urla di gente che precipitando moriva".