Torna a speciale Il Risorgimento italiano

L'eroe dei due mondi

La vita di Giuseppe Garibaldi

Condividi

Ripercorriamo la vita di uno dei protagonisti assoluti del Risorgimento italiano attraverso stampe e immagini d'epoca. Giuseppe Garibaldi: patriota, generale, uomo politico. Soprannominato "L'eroe dei due mondi" per la sua fama internazionale, accresciuta nel tempo attraverso imprese epiche non solo in Italia, ma anche in Sud America e in giro per il mondo. Nasce a Nizza, nel 1807. Sin da giovanissimo intraprende la vita sul mare, imbarcandosi come marinaio. Aderisce alla Giovine Italia di Mazzini e prende parte ai moti insurrezionali del 1821. A ventotto anni, nel 1835, lascia l'italia e sbarca a Rio De Janeiro e fino al 1848 partecipa a varie imprese in Brasile e in Uruguay, dove incontra Anna Maria Ribeiro Da Silva, detta Anita, che diventerà sua moglie, rimanendogli accanto fino alla morte, nel 1849. Garibaldi ritorna in Italia nel 1848, in occasione delle Cinque giornate di Milano, partecipando al governo provvisorio milanese.

Giuseppe Garibaldi: patriota, generale, uomo politico

Un anno dopo, al fianco di Giuseppe Mazzini, Carlo Pisacane, Goffredo Mameli e altri patrioti, partecipa alla difesa della Repubblica romana contro le truppe francesi e i soldati di Pio IX. In seguito alla sconfitta fugge nuovamente all'estero e torna nel 1854, mettendosi al servizio della monarchia sabauda secondo il patto che il Re si impegni per la causa nazionale. Nel 1860 guida l'epica impresa dei Mille per liberare il Meridione dal dominio borbonico, contribuendo all'unificazione dell'anno seguente. Dopo vari tentativi fallimentari di liberare Roma dal dominio pontificio, nel 1871 Garibaldi combatte al fianco dei francesi nella guerra franco-prussiana. Si ritira nella sua casa di Caprera, per trascorrere gli ultimi anni della sua vita e muore nel 1882.