Metternich

Il Ministro della Restaurazione

Condividi

Clemente di Metternich, ministro dell’Impero Asburgico, figura chiave per la storia europea a cavallo tra l’epoca moderna e contemporanea. La storiografia sottolinea il suo ruolo di reazionario per definizione. Si forma a Strasburgo, in piena rivoluzione francese e la sua carriera diplomatica coincide con l’ascesa di Napoleone Bonaparte, suo avversario naturale, che si contrappone alla sua visione politica fondata sull’ordine e sull’equilibrio. Nel 1809 viene nominato Ministro degli Affari Esteri dell’Impero, trovandosi a gestire subito la difficile sconfitta contro i francesi nella battaglia di Wagram (6 luglio). La situazione si capovolge però nel 1812, quando Metternich fa da mediatore con Napoleone, protagonista della disfatta nella campagna di Russia. Il 26 giugno 1813 a Dresda lo storico incontro tra il Ministro e il Generale, che si conclude con un nulla di fatto, Napoleone non accetta la resa. Di lì a poco la sconfitta a Lipsia nel 1813 e soprattutto Waterloo sanciscono il tramonto del Generale francese e la fine di un’epoca.

Clemente di Metternich, ministro dell’Impero Asburgico, figura chiave per la storia europea a cavallo tra l’epoca moderna e contemporanea. La storiografia sottolinea il suo ruolo di reazionario per definizione

Dal novembre 1814 al giugno 1815 le grandi potenze europee vincitrici Austria, Prussia, Russia e Regno Unito si riuniscono al Congresso di Vienna. Metternich padrone di casa e grande protagonista dell’evento con cui si ripristina in Europa ordine, equilibrio e stabilità. Questo momento rappresenta il punto massimo della carriera del Ministro austriaco. Gli anni Trenta dell’Ottocento con le prime ondate di moti insurrezionali iniziano a scardinare il sistema disegnato da Metternich. Lascerà Vienna e la politica, per tornare nel 1851, ma solo come testimone delle grandi trasformazioni, che non riuscirà a vedere completamente, muore l’11 giugno 1859. Ripercorriamo la sua carriera e le vicende che lo riguardano, con stampe dell’epoca.