Torna a speciale BEETHOVEN 250

    Il contesto storico ai tempi di Beethoven

    1797-1827

    Condividi

    Riprendiamo il racconto, attraverso stampe e dipinti dell’epoca, del quadro storico che fa da sfondo alla vita del maestro Ludwig Van Beethoven. Dopo il grande trionfo in Italia il giovane generale Napoleone Bonaparte, su autorizzazione del Direttorio, organizza una spedizione in Egitto nel 1798, con l’intento di tagliare le vie commerciali inglesi. Questa volta l’impresa risulta un insuccesso e causa anche un peggioramento della situazione politica in Francia, il generale fa ritorno in patria. Nonostante tutto il mito di Napoleone Bonaparte va sempre più consolidandosi come campione di quei valori repubblicani ormai diffusi in tutta Europa. Il 18 brumaio (9 novembre) 1799, poco dopo il suo rientro, con un colpo di Stato, il generale mette fine al governo del Direttorio e assume personalmente il potere attraverso la formazione di un triumvirato costituito da tre consoli.

    Il 18 maggio 1804 Napoleone si proclama imperatore dei francesi, mettendo fine all’esperienza repubblicana nata dal grande sogno rivoluzionario del 1789. Questo gesto porta in patria e in tutta Europa ad una generale delusione e ad un senso di tradimento, che colpiscono anche Beethoven.

    Seguono anni di dominio napoleonico, dal 1805 al 1810, con un susseguirsi di sconfitte da parte della Gran Bretagna, della Prussia, della Russia e dell’Austria. Nel 1812 Napoleone decide di invadere la Russia, ponendo le basi del suo declino e del suo definitivo tramonto, che lo porteranno ad un primo esilio all’Isola dell’Elba nel 1814 e ad uno definitivo nell’isola di Sant’Elena nel 1815, dopo la sconfitta nella celebre battaglia di Waterloo. Morirà lontano da tutti il 5 maggio del 1821. Intanto l’Europa si riorganizza e tra il 1814 e il 1815 le principali Monarchie riunitosi proprio nella città di Beethoven, danno vita al celebre Congresso di Vienna che sancisce il ritorno al sistema di potere precedente alla Rivoluzione francese, con il ripristino dei sovrani spodestati da Napoleone. In Francia ritorna la Monarchia con il re Luigi XVIII.L’Europa è in fiamme: dalle ceneri sorgerà un nuovo ordine di cose, o meglio, l’antico ordine apporterà la felicità ai nuovi regni”. Così scrive il cancelliere austriaco Klemens Von Metternich, protagonista assoluto a Vienna. Dopo il Congresso si decide di creare delle solide alleanze e di procedere a frequenti incontri, così da prevenire qualunque situazione di crisi. In realtà l’apparente equilibrio creato dopo l’uscita di scena di Napoleone è destinato a durare ben poco. Mentre la morte coglie Beethoven a Vienna il 27 luglio 1827, l’Europa ha già attraversato una fase di insurrezione generale tra il 1820 e il 1821 e si prepara a nuove manifestazioni di dissenso che si verificheranno pochi anni dopo ovunque, tra il 1830 e il 1831. Tutti medesimi segni di un’insofferenza generale che prepara una nuova stagione di trasformazioni politiche e istituzionali.