Il teatro giapponese

Piccola storia di un teatro parecchio diverso dal nostro

Condividi

L`unità  didattica ripercorre la storia del teatro No, una forma di rappresentazione colta nata in Giappone nel XIII secolo.


Al rigido allestimento tradizionale della scenografia fanno da contraltare i movimenti sofisticati degli attori, soli uomini, che mediante l`uso di maschere, interpretano ruoli femminili e maschili.

Viene delineata inoltre la storia del Kabuki, teatro destinato ad un pubblico di estrazione socio-culturale media, una sorta di volgarizzazione del No. Le immagini si riferiscono alla rappresentazione di un vero e proprio classico di questo tipo di teatro, che narra l`incontro tra un angelo ed un pastore.

L`ultima parte dell`audiovisivo è  dedicata al Bunraku, l`opera dei pupi giapponese, nata per divertire il popolo. Per noi occidentali spettacoli appartenenti a questo genere risultano molto singolari per via della presenza sulla scena degli animatori dei pupi.