Il teatro totale e la musica

Un' esperienza novecentesca

Condividi

Il Teatro totale€ e la musica aleatoria€ rappresentano due delle forme più  estreme della ricerca e della pratica musicale del secondo dopoguerra.


Del teatro totale ci parla uno dei suoi massimi esponenti, il compositore argentino Mauricio Kagel (Buenos Aires, 1931). Rappresentante tra i più noti dell`avanguardia postweberniana, Kagel, autore di opere in cui la componente gestuale-visiva spesso prevale su quella meramente musicale, ci spiega che il teatro totale comporta la fusione di mezzi espressivi e di tecniche appartenenti a diverse discipline artistiche.

La musica aleatoria rappresenta invece l`apertura dell`opera a diverse possibilità  realizzative, determinate dal caso o dalla libera improvvisazione degli esecutori.

Nell' audiovisivo veniamo introdotti al concetto di musica aleatoria dal suo stesso fondatore, il compositore americano John Cage (Los Angeles, 1912 -  New York, 1992), il quale pone l' accento sulle potenzialità  evocative della sua musica silenziosa.