Conversazioni di teatro con Glauco Mauri

Un grande vecchio del teatro italiano e la sua formidabile carriera

Condividi

Questa è la mia vita  incontra Glauco Mauri.

La discussione tocca i momenti fondamentali della carriera di uno degli attori-registi più noti nel panorama teatrale italiano: dalla famigerata interpretazione dello Smerdjakov dostoevskiano al repertorio classico del sodalizio con Roberto Sturno fino al  capolavoro di Quello che prende gli schiaffi.

Mauri non tralascia nessun particolare, tutti i suoi ricordi emergono vividi dal racconto appassionato che coinvolge compagni di strada come Luzzati, Sciacca e Valeria Moriconi.

Il teatro descritto da Mauri è un teatro che non perde mai il contatto col mondo, con la vita reale, con le persone che sono dietro i personaggi.

Il confronto col passato è incoraggiante: “le difficoltà ci sono sempre state; l’unico modo per fronteggiarle è lavorare, crederci, costruirsi una speranza”.

Il consiglio alle nuove generazioni è chiaro: “scegliere di essere più che apparire”, scegliere di coltivare la propria passione al di là degli obbiettivi, al di là dei sogni.