Questa è la mia vita - Conversazioni di teatro con Roberto Herlitzka

Il grande attore si racconta

Condividi

L’attore, David di Donatello per la sua celebre interpretazione di Aldo Moro in Buongiorno, notte  racconta al conduttore, Franco Scaglia, dei suoi inizi con il grande regista e maestro Orazio Costa, un personaggio molto contestato, religioso e sicuramente non di sinistra, dotato di un talento che, in anni in cui la sinistra aveva in mano la cultura, non gli fu mai riconosciuto, portandolo all’emarginazione anche da quel clero, che sperava lo appoggiasse. 

Herlitzka passa ad analizzare il rapporto tra attore e regista, mettendo in evidenza quanto sia importante l’apporto personale dell’attore, senza limitarsi a seguire pedissequamente le indicazioni del regista, trovando nella collaborazione tra i due, il modo migliore per lavorare.
 

 Ci parla delle esperienze che lo hanno arricchito di più, come quella con Lina Wertmuller, grazie alla cui apertura mentale, ha potuto interpretare una vecchia odiosa nazista in Lasciami andare madre, o ancora l’esperienza cinematografica con Marco Bellocchio in Buongiorno, notte, considerato il vincitore morale del Festival di Venezia del 2003, che gli ha dato molto in termini di esperienza e di visibilità.