Gigi Proietti racconta il suo mondo e la sua carriera

    Gigi Proietti racconta il suo mondo e la sua carriera

    Pino Strabioli incontra il famoso attore

    Gigi Proietti racconta il suo mondo e la sua carriera

    Condividi

    Gigi Proietti è indubbiamente un mattatore dello spettacolo italiano, nonché uno degli attori più amati dal pubblico di casa nostra . La sua lunga carriera ha spaziato tra teatro, cinema e televisione e grazie alla sua bravura, unita alla innata simpatia, è diventato un interprete davvvero popolare anche presso pubblici diversi. Qui si racconta a Pino Strabioli nel programma Colpo di scena.

    Si comincia parlando dell' amore per Roma. Gigi Proietti, innamorato della sua città, ha portato lo spirito romanesco più autentico nei suoi rivoluzionari contenitori teatrali in cui mescola macchiette, stornelli, scioglilingua e una galleria di personaggi indimenticabili. 

    Interessante il racconto dell' infanzia, vissuta in una città appena uscita dalla guerra, e gli inizi nel teatro degli anni ' 60,  fino al primo successo con Alleluja brava gente, la commedia musicale di Garinei e Giovannini in cui viene scritturato per sostituire Domenico Modugno..

    E’ solo il primo passo di  una lunga e fortunata  carriera :  sono tanti i  successi non solo a teatro, come le varie edizioni di A me gli occhi, pleaseCyrano de Bergerac e Caro Petrolini ma anche al cinema e in televisione. Indimenticabile la sua interpretazione de il maresciallo Rocca, la fortunata serie trasmessa da Rai uno..

    Segue poi la fondazione del primo  Laboratorio di Esercitazioni Sceniche in Italia, nato alla fine degli anni ’70.  Proietti utilizza una  didattica inconsueta, assegnando al canto e alla musica un posto di rilievo nella formazione dell’attore. Da lì sono usciti artisti come Flavio Insinna, Rodolfo Laganà, Giorgio Tirabassi, Enrico Brignano, Chiara Noschese, Massimo Wertmuller, Sandra Collodel e tanti altri. Dal 2003, è  Direttore artistico del Globe Theatre di Roma dove continua, anche se al di fuori di una vera e propria scuola, ad essere un punto di riferimento  per i giovani attori.

    Come accade sempre, in Colpo di scena si incontrano attori di generazioni diverse. In questa puntata  l’attrice  Elena Sofia Ricci parla del suo rapporto con il teatro e rivela tutta la sua ammirazione per il bravissimo Gigi.  Anche  Flavio Insinna ricorda  il suo “maestro” e gli insegnamenti che ne hanno guidato la carriera. Ma ci sono  anche gli allievi dell’Accademia d’Arte drammatica che si cimentano nel repertorio di Proietti.
     

    E' il più scespiriano  dei nostri giullari, il più chansonnier dei nostri artisti, il più grande brechtian - petroliniano dei nostri mattatori.
    Rodolfo di Giammarco