Mbira, coreografia e regia di Roberto Castello

    Concerto di musica, danza e parola per piazze e teatri

    Condividi

    Mbira è il nome di uno strumento musicale dello Zimbabwe ma anche il nome della musica tradizionale che con questo strumento si produce, e ‘bira’ – quindi non proprio esattamente mbira – è anche il nome di una importante festa della tradizione del popolo shona, una delle principali etnie dello Zimbabwe, in cui si canta e balla al suono della mbira.
     

    Mbira è un concerto di danza e musica dal vivo, che vede in scena due danzatrici e due musicisti, pensato sia per i teatri che per spazi all’aperto, che accompagna il pubblico tra gioco, ritmi empatici e virtuosismi.

     A intercalare danze e musiche, brevi presentazioni che, partendo dalla struttura compositiva dei singoli brani, racconteranno di come, in particolare nelle arti performative, le forme siano sempre espressione di precisi modelli sociali e valoriali e di quanto il rapporto fra partitura ed esecuzione, fra autore e interprete, sia sempre espressione di una precisa visione del mondo.

    Un concerto per due danzatrici, due musicisti e un regista che - utilizzando musica, danza e parola – si intreccia sul complesso rapporto fra la nostra cultura e quella africana

     

    Il teatro borghese nasce per i teatri, la musica pop per gli stadi. Progetti come Mbira nascono invece per tutti quei posti in cui c’è voglia e bisogno di distrarsi, divertirsi e stare bene senza necessariamente smettere di pensare o di porsi domande sul proprio ruolo e sul proprio rapporto con gli altri.