Ritratto breve di Gabriele Lavia

    Il racconto dell'attore, regista e sceneggiatore sulla sua carriera nel cinema e a teatro

    Condividi

    Gabriele Lavia è un regista, attore e sceneggiatore tra i più amati del panorama teatrale e cinematografico.



    Nato a Milano nel 1942, cresce a Torino dove si diploma all’Accademia nazionale d’arte drammatica. L’approdo sul palcoscenico avviene nel 1963, fino ai primi ruoli importanti come come Edipo Re al Teatro alla Scala (1969) e Re Lear al Piccolo Teatro di Milano (1973) per la regia di Giorgio Strehler.

    Il debutto sul grande schermo è del 1971 in Ipotesi su un omicidio, mentre la regia teatrale arriva a partire dal 1975, con Otello di Shakespeare, suo autore preferito.

    Oltre alla regia cinematografica e teatrale, Gabriele Lavia ha curato anche la regia di alcune opere liriche.

    Nel suo racconto, dai suoi studi ai momenti iniziali della sua carriera, i ricordi di alcuni registi con i quali ha lavorato, fino alle sue considerazioni sui classici e sul teatro contemporaneo.