Giulio Giorello. L'epistemologia tra filosofia e scienza

Lo sviluppo della conoscenza scientifica

Condividi

Giulio Giorello, docente di Filosofia della scienza presso l’Università degli Studi di Milano, intervistato in studio da Giosuè Boetto Cohen a Mosaico Mediateca per le Scuole, un programma di Rai Educazione degli anni ’90, ci parla di epistemologia.

Dopo aver spiegato il significato del termine (dal greco epistéme, conoscenza scientifica), Giorello ricorda le tappe principali dello sviluppo di questa disciplina filosofica. Già i filosofi greci presocratici si domandarono in che modo si giustificassero le conoscenze riguardo ai fenomeni della natura. Fu però solo nel Rinascimento che grandi pensatori come Cartesio, Galileo, Bacone, Netwon si posero il problema del metodo, cioè di come si arrivi ad una conoscenza valida e controllabile dei fenomeni naturali.
Giorello ricorda come questo dibattito animi anche il Dialogo dei massimi sistemi di Galileo Galilei. Galileo è figura di grande fascino per certi aspetti, ma Giorello fa notare anche le ombre di questo personaggio che, con il suo lavoro e le sue vicissitudini, ha segnato in modo irripetibile lo sviluppo della storia della scienza. Giorello espone anche le sue opinioni sul rapporto fra scienza e tecnologia:

la tecnologia si sviluppa col procedere degli studi sistematici sui fenomeni naturali e con l`evolvere dei metodi che adotta l`uomo per incidere su essi, fino al punto di controllarli e in questo senso scienza e tecnologia si sviluppano insieme e vicendevolmente.


Giulio Giorello è professore Ordinario di Filosofia della scienza all’Università degli Studi di Milano e collabora con il «Corriere della Sera». 
Tra i suoi numerosi saggi: Filosofia della scienza (Milano 1992); Giordano Bruno (con M. Ciliberto, Milano 2004); Prometeo, Ulisse, Gilgameš (Raffaello Cortina 2004); Di nessuna chiesa (Raffaello Cortina 2005); La scienza tra le nuvole. Da Pippo Newton a Mr Fantastic (Raffaello Cortina 2007); Libertà. Un manifesto per credenti e non credenti (con Dario Antiseri, Bompiani 2008); Lo scimmione intelligente (con Edoardo Boncinelli, Rizzoli 2009); Lussuria (il Mulino 2010); Senza Dio (Longanesi 2010); Ricerca e carità (con Carlo Maria Martini, Edizioni San Raffaele 2010); Il tradimento (Longanesi 2012); La matematica della natura (con V. Barone, Il Mulino, 2016), L’etica del ribelle. Intervista su scienza e rivoluzione (a cura di P. Donghi, Laterza, 2017); L'incanto e il disinganno: Leopardi (Guanda 2016, con Edoardo Boncinelli); Giardini del fantastico (Edizioni ETS 2017, con Pier Luigi Gaspa).