Carlo Emilio Gadda si racconta

Gli scrittori e le eperienze formative

Condividi

In questa preziosa intervista, Carlo Emilio Gadda rivela ai suoi lettori i significati profondi, e talvolta inediti, della propria opera. La sua quasi improvvisa notorietà nasce con Quer pasticciaccio brutto d via Merulana, quando la critica si concentrò sulla sua ricerca stilistica. Alcuni romanzi di Gadda sono firmati Duca di Sant'Agata e in quest'intervista lo scrittore rivela anche le ragioni di questo dettaglio. Carlo Emilio Gadda attraversò varie ere. Fra queste, l'età dell'adolescenza è quella che lo scrittore ricorda con maggiore affetto. In quella fase, racconta Gadda, la natura lo affascinò mentre l'umano gli suscitò, al massimo, simpatia.  

Il titolo "La cognizione del dolore" deve essere interpretato in modo letterale. Moralmente il titolo è troppo lontano da ogni gioia di chi deve pure vivere e per questo chiedo perdono. Non credo nel progrersso di un'anima.


Carlo Emilio Gadda nasce a Milano nel 1893. Si iscrive al Politecnico per studiare ingegneria ma nel 1915 parte volontario per il fronte (e solo nel 1955 pubblica il Giornale di guerra e di prigionia sulla dolorosa esperienza della guerra). Collaboratore della rivista “Solaria”, dal 1931, dopo aver esercitato per anni la professione di ingegnere, riesce a dedicarsi completamente all’attività letteraria e pubblica La madonna dei filosofi a cui segue, nel 1934, Il castello di Udine. Nel 1936 scrive La cognizione del dolore (pubblicato in volume nel 1963 e nel 1970). Nel 1940 si trasferisce a Firenze dove frequenta critici e scrittori; nel 1944 pubblica la raccolta di racconti L’Adalgisa. Dal 1950 è a Roma dove lavora alla Rai e redige le Norme per la redazione di un testo radiofonico. Ottiene una grande notorietà con Quer pasticciaccio brutto di via Merulana (pubblicato in volume nel 1957), un giallo senza soluzione, ambientato nella Roma del 1927. Tra le opere dell’ultimo periodo va ricordato anche il saggio-pamphlet "Eros e Priapo" (1967) sulla retorica del regime fascista.