Francesco Carofiglio, Jonas e il Mondo Nero

Francesco Carofiglio, Jonas e il Mondo Nero

Un romanzo fantasy sulle paure dei bambini

Francesco Carofiglio, Jonas e il Mondo Nero

Condividi

Jonas ha dodici anni e non sta vivendo un periodo felice: la madre è stata licenziata e anche il lavoro del padre è in bilico, a cena non si parla di nulla, le partite di calcio in cui lui è sempre in riserva sono un incubo e a scuola non è popolare. È come se la vita si fosse ristretta, come se le persone intorno a lui si stessero pian piano spegnendo, solo le amiche Molly e Nina gli stanno vicino. Poi a Jonas capita un’incredibile avventura: grazie all’aiuto della misteriosa Virginia Melampo Bloom, il ragazzo s’introduce nel Mondo Nero, e combatte per evitare che questo ingoi il Mondo Bianco. Jonas e il Mondo Nero di Francesco Carofiglio, pubblicato da Piemme, è un fantasy di grande attualità che parla della necessità  di avere fiducia negli altri e di vincere le proprie paure. Con un occhio ad Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Caroll e uno a It di Stephen King e una grande attenzione agli spazi creati dall'immaginazione.

Jonas leggeva il suo libro steso sul letto. Amava starsene lì, lontano dai rumori, quando fuori faceva molto freddo. Anche se ci era abituato al freddo, e tutto sommato non gli dispiaceva quella carezza gelata sulle guance, quando camminava per strada. Ma leggere i libri nella sua stanza lo faceva sentire protetto, specialmente da quando aveva cominciato a vedere quegli strani tipi che correvano per la città, mentre gli altri, tutti gli altri, sembravano non accorgersene.

Francesco Carofiglio è nato a Bari il 4 luglio 1964. Oltre a L'estate del cane nero, Ritorno nella valle degli angeli e Radiopirata (tutti usciti per Marsilio), ha pubblicato per BUR il romanzo With or without you e per Rizzoli, in coppia con il fratello Gianrico, nel 2007 la graphic novel Cacciatori nelle tenebre e nel 2014 La casa nel bosco. Per Piemme ha scritto Wok e Voglio vivere una volta sola.