Le due anime di Matthias Pintscher con l'Orchestra della Rai

Le due anime di Matthias Pintscher con l'Orchestra della Rai

Giovedì 23 maggio 20.30 Auditorium Rai di Torino - live streaming e diretta radio

Le due anime di Matthias Pintscher con l'Orchestra della Rai
Nella doppia veste di direttore e compositore, torna ospite dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai Matthias Pintscher, protagonista del concerto di Rai NuovaMusica in programma giovedì 23 maggio alle 20.30 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, trasmesso in live streaming da Rai Cultura (www.raiplay.it/dirette/raiplay2) e in diretta da Radio3.

Allievo di Pierre Boulez e Peter Eötvös, Pintscher è un musicista di grande versatilità, apprezzato in tutto il mondo in entrambe le sue aree di attività. Recentemente è stato nominato alla testa della Kansas City Symphony Orchestra, dopo aver guidato per un decennio il celebre dell’Ensemble Intercontemporain. Al tempo stesso le sue composizioni sono regolarmente eseguite dalle orchestre più prestigiose, dalle grandi compagini americane come quelle di Boston, Chicago, Cleveland, New York e Philadelphia, alle storiche formazioni europee, come i Berliner Philharmoniker, il Concertgebouw di Amsterdam o la London Symphony Orchestra. 

Per il suo ritorno con l’OSN Rai, propone la San Francisco Polyphony di György Ligeti, composta tra il 1973 e il 1974 per il sessantesimo anniversario della San Francisco Symphony Orchestra ed eseguita nella città californiana l’8 gennaio del 1975 sotto la direzione di Seiji Oxawa. L’opera si posiziona al termine del percorso creativo iniziato da Ligeti con Atmosphères (1961), proseguito con Lontano (1967), con i Dieci pezzi per quintetto di fiati (1968) e con Melodien per orchestra (1971).
La mia musica della fine degli anni Cinquanta – ha detto il compositore – si basava principalmente sulla micropolifonia, cioè la tecnica di fusione stretta e intensa di voci strumentali (e linee vocali), mentre a partire dalla metà degli anni Sessanta ho iniziato a tendere verso la direzione di una polifonia più trasparente, più nettamente definita, più snella e fragile
Al centro del programma un brano dello stesso Matthias Pintscher: Chute d’etoiles, per due trombe e orchestra. L’opera, del 2012, è un omaggio ad Anselm Kiefer. Il titolo significa “Stelle cadenti” e deriva da un’installazione dell’artista tedesco esposta alla mostra Monumenta 2007 di Parigi, che rifletteva sulla connessione tra l’umanità e il cosmo.
Siamo costituiti da elementi del cosmo – ha detto Pintscher – e portiamo dentro di noi l’infinitamente grande così come l’infinitamente piccolo
A interpretarla in veste di solisti sono chiamati i due trombettisti Simon Höfele e Lucas Lipari-Mayer, entrambi al loro debutto con l’Orchestra Rai. 

Chiude la serata la prima esecuzione italiana del Concerto for Orchestra del 2019 di Nina Šenk, allieva pluripremiata di Matthias Pintscher le cui opere sono state eseguite in numerosi importanti festival internazionali: BBC Proms, New York Philharmonic Biennial, Salisburgo Festspiele, Young Euro Classic Berlin, Kasseler Musiktage e altri, e da orchestre come quella del Concertgebouw di Amsterdam, l’Orchestra della Radio Bavarese, la New York Philharmonic, la Deutsches Symphonie-Orchester Berlin.

I biglietti per i concerti di Rai NuovaMusica - in vendita online e presso la biglietteria dell’Auditorium Rai di Torino - sono proposti al prezzo unico di 5 euro per tutti e 3 euro per gli Under 35. L’ingresso è gratuito per gli abbonati alla Stagione Sinfonica 2023/2024, previa prenotazione del posto in biglietteria e salvo disponibilità.
Informazioni: 011.8104653 - 8104961 – biglietteria.osn@rai.it

RAI NUOVAMUSICA N. 3
Auditorium Rai “A. Toscanini”, Torino
Giovedì 23 maggio 2024, 20.30


MATTHIAS PINTSCHER direttore
SIMON HÖFELE tromba
LUCAS LIPARI-MAYER tromba
ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI 

György Ligeti (1923-2006)
San Francisco Polyphony (1973-1974)

Durata: 13’ ca.
Prima esecuzione Rai a Torino

Matthias Pintscher (1971)
Chute d'etoiles, per due trombe e orchestra (2012)

Durata: 20’ ca.
Prima esecuzione Rai a Torino

Nina Šenk (1982)
Concerto for Orchestra (2019)

Durata: 29’ ca.
Prima esecuzione italiana