Blanche Neige

    Angelin Preljocaj al Teatro dell' Opera di Roma

    Condividi

    Il coreografo franco-albanese Angelin Preljocaj approda al Teatro dell' Opera di Roma e, dopo diversi lavori non narrativi, torna al racconto con Blanche Neige.

    Recupera così un tema popolare, una favola appartenente alla memoria di tutti, su cui innesta una serie di variazioni personali frutto dell’analisi dei numerosi simboli presenti nel racconto.

    Il personaggio centrale diventa per Preljocaj la perfida matrigna, una donna caratterizzata dalla narcisistica determinazione a non voler rinunciare alla propria bellezza e seduzione, anche a costo di sacrificare la candida e innocente figliastra. L’inedita matrigna è una sexy dark lady, ripensata da Preljocaj e dallo stilista Jean Paul Gaultier, che firma i costumi della produzione.



    Blanche Neige, balletto romantico e contemporaneo ispirato alla fiaba dei Fratelli Grimm, debutta alla Biennale de la Danse di Lione nel settembre 2008 e nel 2009 viene premiato ai Globes de Cristal.

    Attualità e incanto fiabesco si fondono alla perfezione in questo balletto articolato su un sapiente e personalissimo collage di musiche di Gustav Mahler, sul quale Preljocaj sviluppa ogni episodio e particolare della storia, dallo specchio alla mela stregata.

     I due protagonisti sono interpretati da Rebecca Bianchi e Claudio Cocino.  Le scene di Thierry Leproust disegnano i luoghi in cui si svolge la favola: un’ambientazione tra realismo e astrazione, sorretta e amplificata dalle luci di Patrick Riou.