Quello che mi porto a casa di Angelo

    Una digressione di Valerio Binasco da Il Piacere dell'onestà di Pirandello

    Condividi

    In attesa della riapertura dei teatri, al Teatro Carignano sono in corso le pIrove de Il piacere dell'onestà, commedia in tre atti di Pirandello che proprio nel celebre teatro torinese andò in scena in prima assoluta nel dicembre 1917.

    Valerio Binasco, uno degli interpreti e registi più brillanti della scena italiana, nonché direttore artistico dello Stabile di Torino, incontra per la prima volta nella sua carriera il drammaturgo siciliano, nella doppia veste di attore e regista, e fa una digressione sulla forma che intende dare al personaggio di Angelo Baldovino, protagonista dell’opera, che lui stesso interpreta.

    Un viaggio a porte chiuse nei segreti di una pièce che, allora come oggi, punta il dito contro la borghesia. 

     

    Questo testo una volta non mi piaceva, - ha dichiarato Valerio Binasco - ora sono diventato amico di tutti i personaggi in scena.




    Il piacere dell’onestà

    PROSSIMAMENTE IN SCENA

    Teatro Carignano TORINO

    dal 5 marzo online Le bestie

    docufilm di Lucio Fiorentino su Il piacere dell’onestà