Pablo Picasso: gli anni giovanili e la rivoluzione cubista

Da bambino prodigio ad adulto cosciente delle proprie capacità

Condividi

Pablo Picasso (1881- 1973) è stato uno dei più grandi artisti del Novecento, uno dei più influenti e rivoluzionari pittori di tutta la storia dell’arte. Questa unità audiovisiva, prima di due, ripercorre la vita di Picasso dagli anni giovanili all’invenzione del Cubismo. Da bambino prodigio, a giovane cosciente delle sue capacità, che studia con interesse i pittori del passato e i contemporanei, da artista bohèmien nella Parigi di inizio secolo, a creatore del capolavoro Les Demoiselles d’Avignon (del 1907), passando per il periodo blu e rosa.

Tutti i bambini sono degli artisti nati; il difficile sta nel fatto di restarlo da grandi.
Pablo Picasso

ll racconto prosegue alternando immagini di repertorio in bianco e nero a riprese dettagliate di tutti i quadri di cui si parla, comparati con opere degli artisti che più hanno influenzato Picasso nelle diverse fasi della sua pittura: Velàzquez, Degas, Toulouse-Lautrec, Munch, Cézanne.
Chiude l’unità un intervento del professor Adriano Altamira, docente di storia dell’arte all’Accademia di Brera, che spiega come mai il Cubismo, ancora oggi a un secolo di distanza, sia sconvolgente e rivoluzionario. Il docente analizza i dipinti Femme nue (1910) e La bouteille de Bass (1912), facendo notare gli elementi salienti della pittura cubista.

A dodici anni dipingevo come Raffaello, però ci ho messo tutta una vita per imparare a dipingere come un bambino.
Pablo Picasso