Torna a speciale Musei, Palazzi Storici e Case di Artisti nella Capitale

    Museo di Roma - Palazzo Braschi

    Le trasformazioni urbanistiche e la vita culturale della capitale

    Condividi

    Il Museo di Roma si trova dal 1952 nel cuore della Città barocca affacciato su piazza Navona, a Palazzo Braschi, che fu costruito nel Settecento dal Papa Pio Braschi per il nipote Luigi Braschi Onesti. In origine il museo, nato il 21 aprile del 1930 giorno del Natale di Roma, si trovava nella struttura dell'ex Pastificio Pantanella, a Piazza della Bocca della Verità. La sua vocazione era di documentare la storia della città a partire dall’epoca medievale.

    Il museo racconta Roma come una città plurale nella sua diversità e stratificazione, con una ricca collezione di dipinti e incisioni che ne documentano le trasformazioni urbanistiche, gli avvenimenti storici e i vari aspetti della vita culturale, sociale e storico artistica dal Medioevo alla prima metà del Novecento. Oggi la sua vasta collezione contiene più di 120.000 oggetti tra dipinti, sculture, stampe, fotografie e abiti, mobili, carrozze, elementi di arredo architettonico e urbano, mosaici e affreschi salvati dalle demolizioni,  ceramiche medievali, stampi lignei per le stoffe delle manifatture del '700 e dell'800 e abiti e arazzi della stessa epoca.

    A causa della vastità della collezione il museo espone le sue opere a rotazione, selezionate anche secondo diverse tematiche.

    Negli anni ’70 ci fu un incremento straordinario delle collezioni di grafica e fotografia che portò a una suddivisione organizzativa del Museo di Roma e all’istituzione del Gabinetto delle Stampe e dell'Archivio Fotografico Comunale, di nuovo riassorbiti dal Museo di Roma nel 1994.  Il percorso all’interno del museo è organizzato secondo un modello tematico anziché cronologico nella successione delle sale espositive, situate al secondo e al terzo piano del Palazzo.
    Il primo piano è destinato alle esposizioni temporanee, che contribuiscono ad accrescere la conoscenza del luogo e del museo da parte di un pubblico più vasto e eterogeneo, arricchendo l’offerta culturale romana con appuntamenti di grande richiamo. Le sale al piano terra, con entrata dal cortile, sono adibite alle mostre temporanee di grafica e fotografia con materiali provenienti per lo più dalle collezione del Museo di Roma.

    Si ringrazia la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali  per la gentile collaborazione.
     

    Photogallery

    Opere della Collezione del Museo di Roma

    Tra le opere della grande collezione del Museo di Roma spiccano quadri di Andrea Sacchi, Pierre Subleyras, Pier Leone Ghezzi, Marco Benefial e Pompeo Batoni. Troviamo inoltre numerosi dipinti di grande valore documentario realizzati tra il '500 e il '700 per celebrare cerimonie ed avvenimenti civili e religiosi. La scultura è presente con opere monumentali, busti, modelli e bozzetti in terracotta e documenta l'attività di alcuni fra i più importanti artisti attivi a Roma, fra Sei e Settecento, come Francesco Mochi, Alessandro Algardi, Melchiorre Caffà e  Bernardino Cametti.

    Il Museo di Roma conserva inoltre molti lavori in gesso di Piero Tenerani, in particolare i suoi ritratti della nobiltà e della società del suo tempo. E' di grande valore anche la raccolta del Gabinetto Comunale delle Stampe composta da disegni e acquerelli, stampe, incisioni e libri antichi, che testimoniano la storia e l'evoluzione dell'arte grafica e delle sue tecniche dal XVI al XIX secolo.

    Le opere rivestono prevalentemente un carattere iconografico e documentario relativo alla topografia ed alla storia della città. La collezione di rare fotografie antiche dell'Archivio Fotografico Comunale si pone in continuità con la collezione grafica fornendo un quadro completo della produzione fotografica romana dell'800 e della prima metà del '900.

    In questa gallery vi proponiamo alcune opere del Museo di Roma