Torna a speciale Scuola News

    Lezione sincrona e asincrona e la chiusura del gruppo classe

    Scuola News - 29 settembre 2020

    Condividi

    Nella puntata di oggi sono affrontati due aspetti importanti del lavoro in didattica digitale integrata: il primo legato al rapporto tra contenuti erogati a distanza in modalità asincrona, cioè lezioni preparate, e le lezioni trasmesse in diretta, cioè in modalità sincrona. Il secondo aspetto è legato alla chiusura del gruppo classe.
    Partendo dal primo, entrambe le modalità presentano vantaggi e svantaggi: la lezione in modalità sincrona permette l’interazione, la presenza di orari e scadenze, elementi che danno continuità, ritmo al lavoro e alla partecipazione didattica. Dall’altro lato è più estemporanea, più difficile da organizzare in funzione di un eventuale riuso.
    Per quanto riguarda invece la lezione asincrona ha il vantaggio della possibilità di una maggiore preparazione, cura e riuso dei materiali preparati, ma ha lo svantaggio dell’assenza di interazione.
    Per questi motivi sarebbe bene cercare di trovare un buon equilibrio tra attività svolte on-line in forma sincrona e contenuti distribuiti on-line in forma asincrona: dagli studi effettuati durante il lockdown, è emerso che i risultati migliori si ottengono quando vi è integrazione fra le due modalità.
    Naturalmente in tutto questo il problema principale è il tempo: preparare dei validi materiali riusabili da distribuire, delle lezioni registrate approfondite, vuol dire impiegare del tempo e se abbiamo da svolgere anche le lezioni live, il tempo che abbiamo a disposizione è poco.
    Ma anche in questo caso si può cercare di affrontare almeno in parte il problema, utilizzando gli appuntamenti live per lanciare alcuni dei contenuti distribuiti invece in piattaforma per una fruizione asincrona.
    Il secondo aspetto è quello della chiusura del gruppo classe, cioè la tendenza, in questo momento di didattica digitale integrata, di chiudere in sé stesso il gruppo classe, come un bozzolo. Al contrario sarebbe auspicabile concepirlo sempre aperto all'interazione con l'esterno, per esempio attraverso la partecipazione di ospiti, e promuovendo il lavoro interdisciplinare e trasversale anche con altre classi.

    Segnalazioni:

    • Indire-Avanguardie Educative – L’Isola che c’è – Spazi di apprendimento 
         Martedì 29 settembre ore 17.00 - 19.00; 
    • Indire -I Fondamenti della didattica digitale integrata video dedicati alla didattica digitale integrata.