Festival dei Popoli, 61esima edizione

    In collaborazione con "La scuola allo schermo" (Indire)

    Condividi

    La 61esima edizione del Festival dei Popoli, un evento internazionale dedicato al film documentario, si svolgerà dal 15 al 22 novembre 2020 interamente on line, nella sala virtuale Più Compagnia in collaborazione con MYmovies. Il nuovo spazio di visione propone, oltre alla visione dei film in concorso, un calendario di incontri con gli autori, in esclusiva per gli abbonati. Diciotto i film, tra cortometraggi, mediometraggi e lungometraggi, tutti inediti in Italia, che partecipano al Concorso Internazionale, mentre sono 7 i titoli del Concorso italiano, tutti inediti assoluti. L'offerta si completa con pellicole di “Habitat”, sui temi dell’ecosistema e del vivere contemporaneo, la sezione “Let the Music Play” dedicata alla musica e quella per i giovani spettatori e per le famiglie, “Popoli for Kids and Teens”.

    In questa intervista Vittorio Iervese, professore all'Università di Modena e Reggio Emilia, spiega in cosa consistono le novità di quest'anno. Tra le tante, il Festival ha stabilito una partnership con l'iniziativa dell'Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) La Scuola allo schermo, coordinata da Pamela Giorgi e Giuseppina Jose Mangione.

    La scuola allo schermo è una raccolta di risorse audiovisive, selezionate da un nutrito gruppo di ricercatori e studiosi, rivolta ai docenti, ai dirigenti scolastici, a chi studia, fa ricerca o formazione nei contesti educativi e a chiunque voglia approfondire i temi legati al mondo della scuola e della società italiana dal dopoguerra ad oggi. Il progetto inolte, esce nelle pagine di “Piccole Scuole”, ovvero le scuole che appartengono alla rete creata e supportata da Indire, accomunate tra loro dalla resilienza: sopravvivono, infatti, in territori periferici, isolati e logisticamente scomodi da raggiungere.



    Nato da una ricerca svolta internamente alla Struttura ‘Valorizzazione del Patrimonio storico’ di Indire, La scuola allo schermo si rivolge ad ogni grado di istruzione e, al contempo, al mondo della formazione in servizio di docenti ed educatori, mettendo a disposizione un repertorio ragionato di film, documentari, cortometraggi, interviste e altri materiali di finzione e non, in cui ogni fonte filmica proposta è accompagnata da una scheda didattica, da una sinossi del film e del regista. Sviluppatasi inizialmente in sinergia tra Indire e Pesaro Film Festival, vede oggi la collaborazione di molti altri partner tra cui, oltre il Festival dei Popoli: Lanterne Magiche, Fondazione Sistema Toscana, area cinema, Associazione internazionale DiCultHer. 

    L’idea che unisce tutti i partecipanti al progetto è che l’audiovisivo a scuola sia un modo per utilizzare, trasversalmente alle varie discipline in una didattica attiva e laboratoriale delle fonti atipiche, i film, che si caratterizzano per essere uno tra i linguaggi più inclusivi: ottimo mezzo per esprimersi e per conoscere una cultura differente o aspetti molteplici della propria cultura di appartenenza