Antonio Tabucchi: il traduttore è Ulisse

Riflessioni sulla traduzione

Condividi

Traduttore soprattutto di Fernando Pessoa, Antonio Tabucchi ha riflettutto a lungo sulla traduzione, sulla sua forma, sugli insegnamenti che ne derivano.

Il traduttore è Ulisse, è quello che porta il lettore altrove. Tradurre è un'avventura affascinante. Per fare una traduzione ci vuole arroganza e ci vuole miltà. Si impara molto, è un bell'esercizio, è anche una forma di scrittura.

Antonio Tabucchi nasce a Pisa il 24 settembre 1943. Si laurea nel 1969 con una tesi sul Surrealismo in Portogallo, si perfeziona alla Scuola Normale Superiore di Pisa negli anni Settanta e nel 1973 viene chiamato ad insegnare lingua e letteratura portoghese a Bologna. Il suo primo romanzo è Piazza d'Italia (1975). Pubblica i racconti: Il gioco del rovescio, 1981; Piccoli equivoci senza importanza, 1985; L'angelo nero, 1991 e i romanzi: Notturno indiano, 1984; Il filo dell'orizzonte, 1986; Requiem, scritto in portoghese, 1991, tradotto in italiano nel 1992; Sostiene Pereira, 1994; La testa perduta di Damasceno Monteiro, 1997. Per il teatro scrive I dialoghi mancati (1988). Cura un'antologia dell'opera di Fernando Pessoa (Una sola moltitudine, due volumi, 1979-84), autore al quale dedica gran parte della propria attività di studioso. Muore a Lisbona il 22 marzo 2012. Nel 2018 la sua opera omnia è stata raccolta in due volumi.