Genova mostra tutto il talento e la creatività di Modigliani

Scultura, incontri e donne

Quando conoscerò la tua anima, dipingerò i tuoi occhi.
Amedeo Modigliani

Il vero, grande e sempre più travolgente successo lo ebbe solo a partire dalla sua scomparsa. Stiamo parlando di Amedeo Modigliani, cui certo non giovarono un carattere collerico, le liti, le ubriacature, per vedere riconosciuto in vita il suo tanto strordinario quanto originale talento. Non c'è dubbio infatti che nessuno come lui ha reso con altrettanta efficacia l'effervescente clima parigino dell'inizio del secolo scorso. Per farlo, il pittore livornese ha scelto di dipingere soprattutto ritratti, benchè il suo mercante d'arte gli consigliasse di dedicarsi ai paesaggi. Ma Modigliani aveva al centro della sua ricerca artistica la figura umana, come ha ben dimostrato la trentina di dipinti che sono stati esposti a Genova nel 2017 in un a mostra a Palazzo Ducale.

Il futuro dell'arte si trova nel viso di una donna... Picasso, come si fa l'amore con un cubo?
Amedeo Modigliani

Tanti sono infatti i quadri che l'artista italiano dedica ad amici, intellettuali dell'epoca, modelle più o meno occasionali, compagni d'avventure. Guardando l'esposizione era evidente la sua cifra stilistica, la pittura estrema, introversa, introspettiva e col passare del tempo le sue tele tendono ad una essenzialità sempre più assoluta, con la linea come fondamentale elemento compositivo e conseguente allungamento sinuoso e sensuale della figura. Proprio quei nudi che tanto scandalo suscitarono all'epoca erano al centro di quella mostra che noi ci siamo fatti raccontare dai due curatori, Rudy Chiappini e Stefano Zuffi.

Con un occhio cerca nel mondo esterno, mentre con l'altro cerchi dentro di te.
Amedeo Modigliani

Il servizio è stato realizzato da Rai Cultura in occasione della mostra Modigliani di Palazzo Ducale a Genova del 2017