Torna a speciale XXI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

    Il Vicino Oriente Antico

    Paolo Matthiae

    Condividi

    Paolo Matthiae, archeologo dell'Università La Sapienza di Roma e direttore delle Missione archeologica italiana in Siria, in questa intervista, realizzata in occasione della XXI Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (Paestum, 15 - 18 novembre 2018), ci parla delle grandi civiltà fiorite nel 4° millennio nel cosiddetto Vicino Oriente Antico, ovvero in quell'area geografica collocata tra Egitto e Mesopotamia che, secondo Matthiae, ricopre un'interesse di ordine planetario:

    Perché è qui che si sono sviluppate le prime sperimentazioni di società agricole con insediamenti a livello di villaggio in epoca Neolitica. Agli albori della Storia, queste culture straordinarie hanno visto le prime due forme di scrittura - cuneiforme in Mesopotamia e geroglifica in Egitto - dell'umanità. Hanno visto le prime città (Mesopotamia) e i primi Stati Territoriali (Egitto) quando in nessun' altra parte del pianeta era stato ancora registrato nulla di simile