Salvatore Veca. La teoria della giustizia

Aforismi

Condividi

Il filosofo Salvatore Veca, in un'intervista dell'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche del 1995, analizza la teoria della giustizia di John Rawls, uno dei pensatori più originali della filosofia politica contemporanea.
Nella sua opera Una teoria della giustizia, Rawls contrappone all’utilitarismo, basato sulla massimizzazione della libertà di ciascuno, limitata soltanto dalla pari libertà dell’altro, una teoria “contrattualista”, che presuppone un accordo sui principi di giustizia atti a regolare la società.

Esiste un principio, destinato a modellare il mondo delle ineguaglianze nell`ambito delle risorse, che è il principio di equità, in base al quale ciascun vantaggio deve essere distribuito egualmente, a meno che l’ ineguaglianza nella sua distribuzione non vada a beneficio di chi è maggiormente svantaggiato. La teoria della giustizia come equità, cerca di equilibrare le due istanze fondamentali della tradizione democratica, libertà e uguaglianza.

Inoltre, secondo Veca, il termine fairness, adoperato da Rawls, e tradotto come equità, non rende perfettamente l’idea originaria, connessa al concetto di lealtà, e non coincide con l’eguaglianza, perché prevede la possibilità di mantenere ineguaglianze nell’interesse dei soggetti più deboli.